Novak Djokovic su Lorenzo Musetti: "É un tennista completo, ma... "



by   |  LETTURE 50089

Novak Djokovic su Lorenzo Musetti: "É un tennista completo, ma... "

Novak Djokovic si è preso la sua personale rivincita contro Karen Khachanov al Masters 1000 di Parigi-Bercy. L’unica sconfitta subita ai danni del russo- su otto incontri totali- era arrivata proprio nella finale del Rolex Paris Masters nel 2018.

Il belgradese ha vissuto un solo passaggio a vuoto, quando ha perso il break di vantaggio nella parte centrale del primo set, ma non è mai andato davvero in difficoltà. Dopo aver sprecato due palle break sul 4-3, il serbo ha alzato il livello e sfruttato con determinazione il set point concessogli da Khachanov nel successivo turno di battuta.

Nella seconda frazione di gioco, invece, Djokovic ha letteralmente dominato il match e lasciato un solo game al suo rivale. Ai quarti di finale, il serbo troverà dall’altra parte della rete un Lorenzo Musetti in grande spolvero.

Il talento di Carrara ha già affrontato due volte Djokovic in carriera e, nel 2021 al Roland Garros, riuscì ad aggiudicarsi i primi due set prima di subire un contraccolpo sia tecnico che fisico.

Le parole di Djokovic prima della sfida con Musetti

“Conosco molto bene Khachanov.

Ci alleniamo spesso insieme e abbiamo giocato contro almeno 9/10 volte su superfici differenti. Mi ha battuto quattro anni fa in finale a Parigi-Bercy, quindi so che ama le condizioni di gioco presenti qui. Il primo set è stato abbastanza equilibrato.

Ho avuto le mie possibilità e ho ottenuto di nuovo il break nel decimo game. Da quel momento, le cose sono cambiate. Nel secondo parziale ero un giocatore diverso. Penso di aver alzato ulteriormente il livello, di aver servito meglio e sono soddisfatto del modo in cui ho chiuso la partita” , ha spiegato Djokovic in conferenza stampa.

Il serbo si è poi soffermato su Musetti. “È migliorato molto, in particolare sul cemento. Sappiamo tutti che la terra battuta è la sua superficie preferita, ma penso che forse questo sia cambiato, perché ha vinto a Napoli il suo primo titolo sul cemento.

Questa settimana ha battuto giocatori di altissima qualità. Ha un brillante futuro davanti a sé. Oggi non puoi essere un top player se giochi bene solo su una superficie. Devi essere un giocatore completo. Lorenzo ha un gioco completo e possiede uno dei migliori rovesci a una mano del circuito, ma conosco bene il suo gioco.

L'ho visto giocare e ci alleniamo spesso insieme. É un ragazzo molto simpatico e abbiamo un buon rapporto. Il suo allenatore conosce il mio allenatore; io sono circondato da italiani. Il mio preparatore e il mio agente sono italiani.

Penso che sia un giocatore molto divertente da seguire, non solo per il tennis italiano. Ha una bella personalità ed è un ottimo giocatore. Può giocare bene sia in attacco che in difesa. Ha tutti i tiri nel suo arsenale: può giocare da fondo campo, dentro il campo, a rete. Ha un repertorio davvero completo” . Photo Credit: Getty Images