'Mi sento ancora più forte': Novak Djokovic analizza il suo 2022

Il 2022 di Novak Djokovic è stato caratterizzato da luci e ombre

by Simone Brugnoli
SHARE
'Mi sento ancora più forte': Novak Djokovic analizza il suo 2022

Il 2022 di Novak Djokovic è stato caratterizzato da luci e ombre. A causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus, il fuoriclasse serbo ha saltato gli Australian Open e gli US Open, due tornei in cui sarebbe stato il principale favorito per la vittoria.

Per la stessa ragione, il 35enne di Belgrado ha dovuto saltare anche tutti i Masters 1000 americani (Indian Wells, Miami, Montreal e Cincinnati). L’ex numero 1 del mondo non ha brillato al Roland Garros, prima di riscattarsi a Wimbledon.

Nole ha trionfato a Church Road per la settima volta nella sua carriera, la quarta di fila. Oltre ad aver eguagliato il suo idolo Pete Sampras, il ‘Djoker’ ha accorciato il gap che lo separa da Rafael Nadal nella classifica all-time degli Slam.

Dopo aver partecipato alla Laver Cup, il pupillo di Goran Ivanisevic si è imposto nei tornei di Tel Aviv e Astana (arrivando a quota 90 titoli ATP). In conferenza stampa, il 21 volte campione Slam ha fatto un bilancio della sua stagione (in attesa del Masters 1000 di Parigi-Bercy e delle ATP Finals).

Djokovic è soddisfatto

“Quest’anno è stato speciale nonostante tutte le difficoltà che ho avuto” – ha esordito Djokovic. “Ho sperimentato diverse cose inedite e ho cercato di imparare da ogni situazione.

Credo di esserne uscito ancora più forte. Le difficoltà della vita devono rafforzarti, almeno dal mio punto di vista” – ha aggiunto Nole. In un video pubblicato su Instagram, Patrick Mouratoglou ha analizzato le prospettive del serbo: “Novak punta a vincere più Slam possibili.

Il suo grande obiettivo è superare Rafael Nadal. Non ha moltissime possibilità, essendoci il rischio che non possa giocare gli Australian Open e gli US Open nemmeno l’anno prossimo. Sarebbe un autentico disastro per lui e per il tennis in generale.

Non è un caso che Djokovic abbia scelto di giocare i tornei di Tel Aviv e Astana. Per essere competitivo negli Slam, ha bisogno di partite. Ne ha giocate troppo poche quest’anno e ci vuole tempo per ritrovare il giusto ritmo”. Photo credit: Twitter ATP

Novak Djokovic
SHARE