"Non è mai facile": Djokovic da Tel Aviv a Nur-Sultan. Le parole dopo la vittoria

Novak Djokovic è ripartito da una vittoria dopo il titolo a Tel Avevi. Le parole del fenomeno serbo dopo il doppio 6-1 a Garin

by Perri Giorgio
SHARE
"Non è mai facile": Djokovic da Tel Aviv a Nur-Sultan. Le parole dopo la vittoria

Dalla vittoria a Tel Aviv a Nur-Sultan. Novak Djokovic continua il tour-de-force nel circuito maggiore dopo aver saltato a pié pari, e ovviamente controvoglia, la stagione nordamericana. Il fenomeno serbo, che pare aver ritrovato una condizione incredibile, si è sbarazzato all'esordio nel torneo kazako di Christian Garin con un doppio 6-1 povero di qualsivoglia grattacapo e soprattutto si è lanciato alla caccia del diciannovesimo titolo in una nazione diversa.

Sullo sfondo, il '1000' di Parigi e soprattutto le Finals, che salvo catastrofi dovrebbe già essersi garantito con i punti di settimana scorsa. "Credo sia stata una grande partita. Ho espresso un livello di gioco molto alto dal primo all'ultimo quindici.

Non è mai facile esordire su una superficie che non conosci e sulla quale non hai mai giocato, ma nel corso della mia carriera credo di aver sempre dimostrato la capacità di sapermi adattare bene un po' ovunque.

Sono veramente contento di come ho giocato. Ho impedito a Garin di colpire la palla come voleva e ho sfruttato tutte le occasioni che ho avuto a disposizione. Mi sento bene" ha spiegato.

Djokovic, i cambiamenti da Tel Aviv a Nur-Sultan

"Come dicevo, giocando sempre e da tutte le parti, ho scoperto di sapermi adattare piuttosto velocemente ai cambi di superficie e alle città differenti.

Sono certo che l'esperienza giochi un ruolo fondamentale in situazioni del genere, perché sai come e quando gestirti e cosa fare in campo per trovare una soluzione nel minore tempo possibile. Inoltre vincere un torneo, al contrario di fare semifinale o finale, ti dà una consapevolezza differente e soprattutto ti aiuta.

Soprattutto dopo un periodo di stop. Giocare sapendo di aver vinto un titolo una manciata di giorni fa mi aiuta mentalmente. La direzione è quella giusta" ha spiegato. Djokovic, ovviamente il favorito del lotto, affronterà adesso Botis Van de Zandschulp, che con un score identico ha avuto invece la meglio della wild card locale Zhukayev.

Tra i due non ci sono ovviamente precedenti e in linea del tutto teorica il giocatore olandese non dovrebbe rappresentare un ostacolo di grosso conto verso il titolo numero 90 in carriera. Photo Credit: Getty Images

Novak Djokovic
SHARE