Novak Djokovic parla di quando si ritirerà e di quello che si augura



by   |  LETTURE 4026

Novak Djokovic parla di quando si ritirerà e di quello che si augura

Novak Djokovic ha messo in cascina il trofeo numero 89 di una carriera straordinaria. Il campione serbo, in una intervista al Telegraf ha analizzato la sua vittoria all’Atp 250 di Tel Aviv, immaginando tra l’altro come potrebbe essere il suo ritiro tra qualche anno.

"Ho giocato molto a tennis questa settimana” -debutta il 21 volte vincitore slam- “rAvevo bisogno di prendere il ritmo della competizione e di giocare il maggior numero di partite possibile. Volevo giocare anche in doppio, ma non è stato possibile.

La mia testa è stata sempre concentrata sul tennis. Non ho avuto nemmeno il tempo di visitare la città, ma mi sono comunque goduta un po' di tempo in spiaggia, andando in bicicletta o nuotando un po' Ho anche trascorso un po' di tempo a passeggiare nel centro storico.

È un Paese straordinario, Israele”. Il sogno è di tornare nuovamente in questa nazione "Sono stato a Gerusalemme molto tempo fa. Conosco molto bene il Paese. È chiaro che tornerò qui in un futuro non troppo lontano.

Non so se sarà per giocare un torneo, ma come turista sicuramente verrò qui. Voglio ringraziare tutte le persone che sono venute alle mie partite per fare il tifo per me. In questi giorni sono stato trattato meravigliosamente e ho sicuramente un forte legame con la gente di questo Paese.

Il serbo parla del giorno del suo ritiro

A Djokovic è stato chiesto chi piangerà il giorno del suo ritiro dal tennis "Sono sicuro che mia madre piangerà molto. C'è ancora molto tempo prima che ciò accada.

Non sono prossimo alla pensione e non ci penso troppo. Roger ha avuto un bellissimo addio alla Laver Cup una settimana fa a Londra. Eravamo tutti lì, con la sua famiglia, per dire addio a una persona che ha dato tanto a questo sport.

È stato un evento magnifico e non ho dubbi che sia stato molto speciale per lui. Quello che voglio è che quando mi ritiro, i miei grandi rivali vengano a salutarmi", ha concluso l’ex numero uno al mondo