"Non esiste un solo segreto per il successo": Djokovic si gode il trionfo a Tel Aviv



by   |  LETTURE 2444

"Non esiste un solo segreto per il successo": Djokovic si gode il trionfo a Tel Aviv

Doveva vincere e lo ha fatto. Novak Djokovic ritorna dopo 81 giorni di assenza (forzata) nel circuito maggiore e acchiappa il titolo numero ottantanove in carriera. Bonus: si prende di forza anche 250 punti fondamentali in ottica Finals, visto che gli toccherà rimanere tra la nona e la ventesima posizione per staccare un pass per Torino.

Tutto facile in finale contro Marin Cilic, giocatore che tra le altre cose aveva già battuto in diciotto dei venti precedenti. Terzo titolo della stagione per Djokovic, che è diventato peraltro il primo a vincere su tre superfici differenti nel 2022.

"Credo sia stata una settimana molto positiva, sotto tutti i punti di vista. Ho stretto un forte legame anche con tutte le persone che sono state qui. Sì, certo, ogni torneo ha una categoria differente, ma il mio obiettivo rimane sempre lo stesso: vincere dei titoli.

Ovunque. Questa settimana penso di aver mostrato un buonissimo livello di tennis, avevo una motivazione in più per fare bene qui, l'affetto del pubblico è stato semplicemente incredibile" Effettivamente insieme al titolo numero ottantanove in carriera, Djokovic non è solamente diventato il primo a vincere tre titoli su tre superfici diverse in carriera ma ha anche eguagliato il numero di titoli in nazioni diverse.

Diciotto, come Nadal: a quota diciannove Roger Federer. "In tutti questi anni ho scoperto quali sono le cose che per me funzionano meglio. Ho lavorato tanto a come evolvermi sia fisicamente che mentalmente. Questo perché ogni stagione è diversa dall'altra.

Concentrarmi per me è un must, anche perché la mia intera routine cambia di volta in volta e con il mio team cerchiamo sempre di lavorare nella maniera più funzionale. Non esiste un solo segreto per il successo.

Ci sono diversi elementi, ma è fondamentale avere un team forte alle spalle ed essere sempre aperti a nuovi modi di lavorare" ha detto il serbo. Djokovic non aveva mai ovviamente giocato in Israele. E il titolo è stato solamente il coronamento di una settimana speciale sotto tutti i punti di vista.

"Vincere il titolo è stata la cosa più emozionante, ma porterò con me diversi ricordi"