Sikora: "Non far entrare Novak Djokovic negli USA sarebbe sbagliato e inutile"



by   |  LETTURE 4637

Sikora: "Non far entrare Novak Djokovic negli USA sarebbe sbagliato e inutile"

La partecipazione di Novak Djokovic agli US Open 2022 è ancora incerta. Qualche giorno fa, il CDC ha equiparato vaccinati e non vaccinati sotto il profilo del trattamento interno, ma le regole alla frontiera non sono state modificate per il momento.

L’ex numero 1 del mondo ha vissuto una stagione turbolenta a causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Oltre a non aver potuto difendere il titolo agli Australian Open ad inizio anno, il fuoriclasse serbo era finito al centro di un'assurda telenovela.

Per la stessa ragione, il 35enne di Belgrado aveva dovuto saltare anche i Masters 1000 di Indian Wells e Miami in primavera. Nole ha risollevato una stagione molto deludente trionfando a Wimbledon per la settima volta nella sua carriera ed eguagliando Pete Sampras.

Il ‘Djoker’ si è così issato a quota 21 Major, portandosi ad una sola lunghezza di distanza da Rafael Nadal nella classifica all-time. Attraverso il suo profilo Twitter, il noto oncologo britannico Karol Sikora ha spezzato una lancia in favore di Djokovic.

Karol Sikora difende Djokovic

“Novak Djokovic ha preso la decisione di non vaccinarsi contro il Coronavirus. È stata una sua scelta, che tutti si sono sentiti in diritto di giudicare” – ha scritto Sikora.

“Purtroppo, siamo consapevoli che questi vaccini non impediscono al virus di diffondersi in maniera significativa. Vietare a Nole o a qualsiasi altro non vaccinato l’ingresso negli USA è profondamente sbagliato, oltre che inutile.

Mi auguro che gli permettano di giocare” – ha aggiunto. Anche Jonathan Reiner è intervenuto sulla questione: “Ritengo che Djokovic dovrebbe poter giocare gli US Open. Al tempo stesso, penso che abbia tenuto un pessimo comportamento nella fase più delicata della pandemia.

Doveva essere un esempio per gli altri, ma non lo è stato. Ha agito da egoista e ha indotto tanta gente a violare le regole. Gli atleti sono molto influenti e dovrebbero rappresentare il meglio della società. Novak ha pensato solo a se stesso compiendo atti di puro egoismo, specialmente lo scorso inverno”. Non resta che attendere ulteriori aggiornamenti.