John McEnroe rivela cosa gli piace di più di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 3149

John McEnroe rivela cosa gli piace di più di Novak Djokovic

I Big 3 hanno fatto la storia del tennis, oltre ad aver riscritto da cima a fondo il libro dei record. Rafael Nadal guida attualmente la classifica all-time degli Slam, essendosi aggiudicato gli Australian Open e il Roland Garros quest'anno.

Lo spagnolo si è così issato a quota 22 Major, a +1 su Novak Djokovic e a +2 su Roger Federer. Il fuoriclasse serbo ha ridotto il gap trionfando a Wimbledon per la settima volta nella sua carriera, ma difficilmente potrà volare negli Stati Uniti per disputare lo US Open.

L’ex numero 1 del mondo si sta allenando in Croazia e spera di poter entrare negli USA con un visto speciale. Nadal, dal canto suo, prenderà parte al Masters 1000 di Montreal la settimana prossima. Più complicato il discorso relativo a Federer, ancora ai box dopo essersi sottoposto all’ennesima operazione al ginocchio destro.

Il 40enne di Basilea tornerà in campo alla Laver Cup, che si svolgerà alla O2 Arena di Londra dal 23 al 25 settembre. In una lunga intervista concessa alla rivista ‘The Week’, John McEnroe ha elogiato i tre mostri sacri.

I Big 3 hanno fatto la storia del tennis

“Roger Federer è il giocatore più elegante che abbia mai visto su un campo da tennis. È come se fosse una versione aggiornata di Rod Laver” – ha esordito McEnroe.

“Rafael Nadal non molla una palla, vuole vincere ogni singolo punto. Credo che abbia superato persino Jimmy Connors sotto questo aspetto. Non lo credevo possibile, ma Rafa ci è riuscito. Novak Djokovic è un grandissimo campione ed è quello con cui mi trovo meglio dal punto di vista umano” – ha aggiunto.

John non ha rimpianti: “Sono orgoglioso di ciò che ho fatto, ho imparato molto sia dai miei successi che dai miei fallimenti. In questa fase della mia vita, mi sento in pace con me stesso. Se mi sarei trovato bene nell’era di Internet? Assolutamente no, sarebbe stato un incubo.

Se i social fossero stati così diffusi quando avevo 20 anni, avrei fatto tante cose di cui mi sarei pentito”.