Un'ex stella del football prende le difese di Novak Djokovic

Nole ha appena conquistato il suo 21° Slam

by Simone Brugnoli
SHARE
Un'ex stella del football prende le difese di Novak Djokovic

Nonostante sia stato inserito nella entry list degli US Open, difficilmente Novak Djokovic potrà recarsi negli Stati Uniti. L’ex numero 1 del mondo non è vaccinato contro il Coronavirus e non ha intenzione di farlo, come da lui stesso ribadito durante Wimbledon.

Il fenomeno serbo ha risollevato una stagione sottotono trionfando ai Championships per la settima volta nella sua carriera ed eguagliando Pete Sampras. Grazie al quarto sigillo consecutivo a Church Road, il 35enne di Belgrado si è issato a quota 21 Major e ha ridotto il gap che lo separa da Rafael Nadal nella classifica all-time.

Il 2022 aveva regalato ben poche soddisfazioni a Nole fino al torneo londinese, complice anche la sua scelta di non sottoporsi alla doppia dose. Il ‘Djoker’ aveva dovuto saltare gli Australian Open e i Masters 1000 americani di Indian Wells e Miami, oltre ad aver subito un grave danno d’immagine.

Negli ultimi giorni, diversi politici statunitensi hanno invitato Biden a cambiare le regole di ingresso nel Paese. Anche l’ex giocatore di football Chris Manno ha consigliato al governo di fare un passo indietro.

Chris Manno sta dalla parte di Nole

“Il governo americano e gli US Open non si rendono conto che danneggiano loro stessi se non permettono ad un campione come Novak Djokovic di giocare il torneo.

Mi stupisce che nessuno glielo faccia presente” – ha scritto Chris Manno su Twitter. Persino John McEnroe è intervenuto sulla questione: “Non sono d’accordo con la sua scelta di non vaccinarsi, ma la rispetto.

È in perfetta salute e valuta attentamente ogni sostanza che finisce nel suo organismo. È davvero un peccato che sia stato messo in cattiva luce dai media. Spero che non si ripeta più ciò che è successo in Australia, è stata una debacle per tutti.

La situazione è stata gestita in maniera orribile e Nole ha sofferto molto. Sono contento che sia riuscito a riprendersi, dimostrando ancora una volta la sua incredibile forza mentale. Qualcuno trovi un modo per farlo entrare negli USA, abbiamo bisogno di un fuoriclasse come lui a New York”.

Novak Djokovic
SHARE