Robson controcorrente: "Non è vero che Novak Djokovic ha pochi tifosi"



by   |  LETTURE 5001

Robson controcorrente: "Non è vero che Novak Djokovic ha pochi tifosi"

Il trionfo a Wimbledon ha risollevato la stagione di Novak Djokovic, che non aveva brillato nei primi mesi del 2022. L’ex numero 1 del mondo ha pagato a caro prezzo la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus e ha dovuto saltare svariati tornei.

Il fuoriclasse serbo non ha potuto difendere il titolo agli Australian Open ad inizio anno, oltre ad aver subito un grave danno d’immagine. Per lo stesso motivo, Nole è stato costretto a rinunciare anche ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami.

Vincendo i Championships per la settima volta, la quarta di fila, il 35enne di Belgrado ha accorciato il gap che lo separa da Rafael Nadal nella classifica all-time dei Major. Il ‘Djoker’ attende di sapere se potrà volare o meno negli Stati Uniti per disputare gli US Open, dove l’anno scorso ha incassato una delle delusioni più cocenti di tutta la sua carriera.

Ad una sola vittoria dal ‘Calendar Grand Slam’, Djokovic ha ceduto il passo a Daniil Medvedev in finale. In un’intervista esclusiva al portale ‘Tennis365’, Laura Robson ha spezzato una lancia in favore di Novak.

Robson difende Nole Djokovic

“Non è vero che Novak Djokovic ha pochi tifosi. In realtà, penso che abbia un’enorme quantità di fan in giro per il mondo. Ogni volta che commento una delle sue partite, il mio profilo Twitter esplode perché ci sono tante persone che sono suoi fan sfegatati.

Lo supportano in ogni modo possibile e talvolta eccedono. Ha molti più tifosi di quanto non si immagini” – ha dichiarato Robson. Laura ha parlato anche di Nick Kyrgios, sconfitto da Djokovic nella finale di Wimbledon 2022.

“È un giocatore che fa bene al tennis, perché riempie gli stadi e induce la gente ad andare a vederlo. Al tempo stesso, dovrebbero essere punite più severamente le sue buffonate nei confronti degli arbitri e dei giudici di linea.

C’è ancora troppa tolleranza da questo punto di vista. Non pensavo che avrebbe raggiunto una finale Slam quest’anno, ma sembra finalmente in pace con se stesso”.