"Mi sento sollevato": Novak Djokovic spiega le lacrime per la vittoria a Wimbledon



by MARTINA SESSA

"Mi sento sollevato": Novak Djokovic spiega le lacrime per la vittoria a Wimbledon

Per il quinto anno consecutivo, Novak Djokovic mette in bacheca almeno un titolo del Grande Slam. Le premesse per questo traguardo non erano state delle migliori per il tennista serbo: dalla vicenda mediatica e giudiziaria che l’ha coinvolto a Melbourne, portando alla sua esclusione dagli Australian Open, fino ad una condizione fisica che ha ritrovata solo in un secondo momento per via dei pochi tornei disputati.

Dopo l’uscita ai quarti al Roland Garros per mano di Rafael Nadal e l’impossibilità per ora di toccare suolo statunitense per gli US Open, Wimbledon rappresentava l’unico torneo cui aggrapparsi. Per questo motivo, dopo aver vinto il suo settimo titolo sui prati inglesi, Novak Djokovic si è emozionato al punto da far scendere qualche lacrima.

"Ho avuto molti momenti come questi nella mia carriera e ne sono grato, ma in qualche modo questo trofeo dopo tutto quello che ho passato in Australia... - ha spiegato al media serbo Sport Klub, come riportato da Tennis Major - Tutte le cose brutte che sono successe mi sono passate per la mente e quando mi sono seduto sulla sedia, ho provato un enorme sollievo, perché emotivamente sono stato costantemente stressato”.

Il sollievo dopo la vittoria

L’ex numero uno del mondo ha sfogato nel momento della vittoria tutte le emozioni negative che ha accumulato in questi mesi, con l’accumularsi di provocazioni da parte dei media sulla sua scelta di non vaccinarsi e delle conseguenza di questa decisione: “Mi sforzo sempre di fare cose che mi rendano calmo e mentalmente equilibrato, ma dopotutto sono un essere umano; ci sono stati degli insulti molto brutti, delle provocazioni, ma sono felice di dire che da tempo non porto quel peso emotivo, a maggior ragione con questa vittoria”.

"Mi sento sollevato”, ha concluso il numero uno del mondo a Sport Klub. Nonostante le difficoltà riscontrate per giocare tornei dove non era richiesta la vaccinazione obbligatoria, il vincitore di ventuno titoli del Grande Slam ha conquistato due trofei: prima il Masters 1000 di Roma, poi Wimbledon.

Novak Djokovic Wimbledon