Rothenberg attacca Djokovic: la moglie del serbo risponde duramente alle critiche

La moglie del campione serbo ha lanciato un chiaro messaggio al noto giornalista

by Antonio Frappola
SHARE
Rothenberg attacca Djokovic: la moglie del serbo risponde duramente alle critiche

“Andrò in vacanza e mi riposerò nelle prossime due settimane. Poi aspetterò buone notizie dagli Stati Uniti. Mi piacerebbe giocare gli US Open. Non sono vaccinato e non ho intenzione di vaccinarmi ora.

L’unica buona notizia che potrebbe arrivare dagli Stati Uniti riguarda le regole per l’ingresso nel Paese” . Dopo aver sollevato al cielo per la settima volta in carriera il trofeo di Wimbledon, Novak Djokovic si è soffermato sul calendario che cercherà di seguire nell’ultima parte di stagione.

Considerando le norme vigenti negli Stati Uniti, che obbligano i viaggiatori a presentare un ciclo vaccinale completo alla frontiera, il serbo non avrebbe la possibilità di partecipare ai Masters 1000 americani e, sopratutto, allo US Open.

Ben Rothenberg, uno dei giornalisti più noti nel mondo del tennis, ha analizzato la situazione del campione serbo lanciando l’ennesima provocazione nei suoi confronti. Rothenberg ha sempre adottato un atteggiamento critico nei confronti di Djokovic.

Duro attacco nei confornti di Djokovic: interviene Jelena

“A meno che non ci siano improvvisi cambiamenti sulle norme di immigrazione degli Stati Uniti, Wimbledon sarà l’ultimo Slam dell’anno per Djokovic.

Gli Stati Uniti richiedono la vaccinazione per l’ingresso dei cittadini stranieri e Djokovic ha fermamente escluso di vaccinarsi, affermandosi come un posterboy anti-vax” , ha scritto Rothenberg sul proprio account Twitter.

L’ultima frase del tweet non è piaciuta a Jelena Djokovic, moglie di Novak, che ha deciso di interviene per chiarire una importante questione. “Mi scusi. Vorrei solo far notare il fatto che tu lo abbia etichettato come posterboy anti-vax per qualsiasi motivo.

Lui ha semplicemente parlato della sua scelta personale" , ha spiegato Jelena per sottolineare che suo marito ha effettuato la propria decisone senza voler condizionare le altre persone. La risposta di Rothenberg non è tardata ad arrivare.

“Capisco che la scelta sia sua. Sto dicendo che la sua decisione di non vaccinarsi, che limita la sua possibilità di partecipare ad alcuni tornei, lo ha reso, inconsapevolmente o meno, una grande icona del movimento anti-vax.

Credo che ogni cittadino, in particolare i personaggi pubblici, abbiano il dovere di agire in modo responsabile con azioni e messaggi di salute pubblica durante la pandemia e Djokovic, per il campione che è e l'influenza che ha, mi ha deluso profondamente” .

Jelena ha posto fine alla diatriba lanciando un chiaro messaggio al proprio interlocutore. “Stai creando una narrativa critica che si adatta molto bene al tuo scopo. Novak sta semplicemente scegliendo ciò che è meglio per il suo corpo.

Non giocherà alcuni tornei per questa scelta e lo ha accettato. Grazie per aver condiviso le tue convinzioni. Spero che tu non venga giudicato per esse per poi diventare un posterboy per odio e bullismo. Anche tu sei una figura influente, per favore non continuare a deludere, a meno che non sia il tuo ruolo” .

SHARE