Vittoria da record per Novak Djokovic contro Jannik Sinner: il dato



by   |  LETTURE 1794

Vittoria da record per Novak Djokovic contro Jannik Sinner: il dato

Mai dare per finito un campione come Novak Djokovic. Nel match di quarti di finale di Wimbledon, il serbo è sembrato in balia di Jannik Sinner nei primi due set. È poi bastato un toilet break prima dell’inizio del terzo parziale al fuoriclasse di Belgrado, che è tornato in campo sbagliando poco o nulla e piazzando una formidabile rimonta ai danni del giovane talento italiano.

Centrata, dunque, la quarta semifinale consecutiva ai Championships da parte del campione in carica, il quale troverà fra lui e la finale il padrone di casa Cameron Norrie. Vittoria contro Sinner che assume particolare rilevanza per Djokovic, che diventa così il primo giocatore dell'era Open a centrare almeno undici semifinali in tre dei quattro Slam: Roland Garros, US Open e, per l’appunto, Wimbledon.

Djokovic commenta la rimonta su Sinner

“È stato emozionante fare parte di questa partita, non dei primi due set per me.

Alla fine, ho giocato un’altra partita. Sono stato molto solido e ho espresso un’alta qualità di tennis dal terzo parziale” , ha esordito Novak Djokovic a margine della vittoria contro Jannik Sinner.

“Quando ho ottenuto il break, ho ritrovato il mio ritmo e il giusto timing. È stato come giocare due partite completamente differenti; questa è la mia sensazione. Non ero arrabbiato. Ho solo cercato di incitarmi a rimanere positivo.

Non hai la certezza che questa strategia funzioni, ma oggi è andata bene. Avvertivo il bisogno di dover cambiare qualcosa. Non stavo giocando bene. Sinner stava dominando, ma fortunatamente i tornei dello Slam si giocano al meglio dei cinque set e ti offrono l’opportunità di recuperare.

Ho iniziato bene la partita e sfiorato il doppio break nel primo set; poi lui ha servito bene e io ho disputato un pessimo game al servizio colpendo due doppi falli e sbagliando altrettante palle corte. Leggeva bene il mio servizio e rispondeva alla grande.

Non ero contento del mio gioco. Ho sempre creduto di poter ribaltare la partita e l’esperienza ha prevalso. I primi game del terzo set si sono rivelati cruciali” . Djokovic, nell'intervista post-match, ha anche aggiunto l’evento che, secondo lui, è stato la chiave di volta della sua partita: “Il toilet break è stato il momento della svolta.

Sono uscito, mi sono parlato davanti allo specchio per ritrovarmi. È la verità. A volte in queste circostanze quando non giochi bene e l'altro ti domina, queste cose sono necessarie. Ho parlato a me stesso, ho riordinato le idee per giocare al meglio. L'ho fatto, questo gesto mi ha dato fiducia e l'ha tolta a Jannik” , ha concluso Djokovic.