Novak Djokovic 'costruisce' il tennista ideale: c'è anche Jannik Sinner



by   |  LETTURE 2841

Novak Djokovic 'costruisce' il tennista ideale: c'è anche Jannik Sinner

Novak Djokovic e Jannik Sinner apriranno il programma odierno sul Campo Centrale alle 14:30. Il campione serbo ha conquistato i quarti di finale a Wimbledon battendo in quattro set Tim van Rijthoven; mentre l’altoatesino ha giocato la sua migliore partita sull’erba ed eliminato Carlos Alcaraz.

Il belgradese si è aggiudicato l’unico precedente, ma l’incontro si è disputato sulla terra monegasca e, quindi, in condizioni di gioco completamente differenti. Prima di scendere in campo contro l’olandese, Djokovic ha avuto la possibilità di partecipare alla cerimonia organizzata per celebrare il centenario del Campo Centrale e, in conferenza stampa, gli è stato chiesto di costruire il suo giocatore perfetto scegliendo anche tra i tennisti del passato.

Djokovic 'costruisce' il tennista ideale: c'è anche Sinner

“È stato un giorno speciale. Fare parte della cerimonia è un onore, bisogna celebrare queste importanti ricorrenze. Giocatore perfetto? Iniziamo con il servizio.

È normale che i giocatori alti più di due metri siano avvantaggiati. Scelgo Reilly Opelka, John Isner e Ivo Karlovic. Servono dal quinto piano ed è davvero difficile rispondere contro di loro" , ha spiegato Djokovic.

"Anche Nick Kyrgios, nonostante non sia alto come Isner o Opelka, ha un incredibile servizio. Pete Sampras per la formidabile seconda di servizio. Questi giocatori, nel tennis moderno, riescono a metterti molta pressione.

Per quanto riguarda il dritto, devo prendere Roger Federer e Rafael Nadal. Hanno un diritto diverso, ma questo colpo rappresenta un’arma importante per loro. Scelgo il rovescio di Andy Murray e Jannik Sinner. Prendo sempre Murray in risposta e, ovviamente, Andre Agassi.

Anche Sinner risponde molto bene. Bjorn Borg per il movimento. Non ho mai avuto la fortuna di giocare contro di lui, ma ho visto molti suoi video e parlato di lui con alcuni giocatori del passato. Anche Roger è eccezionale sotto questo punto di vista.

I migliori a rete sono stati Patrick Rafter e Stefan Edberg. Mentalmente devo prendere di nuovo Federer e Nadal” , ha concluso il serbo prima di lasciare la sala stampa.