Il dato che evidenzia il recente calo nel ranking di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 3497

Il dato che evidenzia il recente calo nel ranking di Novak Djokovic

Novak Djokovic si appresta a perdere la leadership del ranking ATP nuovamente. Ad inizio anno, il tennista serbo ha dovuto cedere la posizione numero uno a Daniil Medvedev: grazie alla finale degli Australian Open, il russo è riuscito a conquistare la vetta del ranking per la prima volta nella carriera.

La gioia, però, del vincitore degli US Open 2021 è durata poco. Dopo poco meno di un mese, è avvenuto il controsorpasso, con il campione serbo che si è ripreso una posizione che ha difeso per 373 settimane.

Con la sconfitta ai quarti di finali di Roland Garros, tuttavia, Novak Djokovic si è visto sottrarsi i punti conquistati grazie alla vittoria dell’anno precedente: così facendo, il vincitore di due Open di Francia è costretto non solo a cedere la vetta, ma esce per la prima anche dalla top 2 dopo quattro anni.

Djokovic out dalla Top 2

È dal 2018, infatti, che Novak Djokovic non si trova fuori dalle prime due posizioni della classifica mondiale. Il 2017 è stato un anno difficile per il serbo: scelte sul proprio team lo hanno portato in crisi, al punto da non conquistare nessun titolo del Grande Slam sin dal lontano 2011.

All’inizio del 2018, però, sembra ristabilirsi la vecchia guarda, con il ritorno di Marian Vajda come coach. Questo “nuovo” cambiamento ha fatto partire la rimonta di Djokovic, sia nel numero di titoli del Grande Slam sia in riferimento alla classifica ATP.

Inizia l’anno come numero 14 del mondo, ma il progredire dei mesi e dei tornei mancati lo fa scalare fino alla ventiduesima posizione del ranking. Il torneo di Wimbledon, tuttavia, cambia le sorti del campione serbo: la vittoria contro Kevin Anderson fa partire una vera e propria rimonta di Djokovic.

La vittoria a Cincinnati prima e la conquista degli US Open dopo regalano la posizione numero tre a Novak Djokovic, che non si ferma qui. È la vittoria di un altro Masters 1000, quello di Shanghai, a riportare il serbo nella posizione numero due.

Il ritorno alla vetta, invece, avviene dopo il torneo 1000 di Parigi-Bercy: nonostante la sconfitta in finale contro Karen Khachanov, Djokovic torna numero uno del mondo.