Ivanisevic si esprime sul Roland Garros di Novak Djokovic e Rafael Nadal



by   |  LETTURE 3118

Ivanisevic si esprime sul Roland Garros di Novak Djokovic e Rafael Nadal

Una lunga intervista per analizzare il periodo dei migliori tennisti al mondo, soprattutto Novak Djokovic e Rafael Nadal, e riservare pensieri sui tennisti del momento, Carlos Alcaraz in questo caso. Goran Ivanisevic, allenatore croato che fa parte dello staff del serbo dal 2019, ha fatto il punto sul Roland Garros, che ha rispettato nei primi turni i pronostici della vigilia.

Si attende infatti un grande spettacolo nella seconda settimana, con tantissime battaglie interessanti: la sfida fra i due 'Big' sarà senza dubbio il match di cartello dei quarti di finali.

Il suo favorito del torneo parigino

Il tecnico ha svelato quali sono i suoi prescelti per la vittoria finale della competizione francese: "Penso che Rafa sia il favorito.

È normale pensarlo, perché è l'uomo che ha già vinto 13 volte, ma è stato anche il favorito l'anno scorso e non ha vinto. Penso che sia più difficile giocare la finale qui contro Nadal che prima, per il semplice fatto che non ha mai perso una finale qui, così come è quasi impossibile battere Djokovic in finale in Australia.

Saranno i quarti di finale più grandi nella storia del Roland Garros. Non so chi vincerà, Nadal è il favorito ma i favoriti non sempre conquistano il successo" ha commentato in un'intervista rilasciata a Sport Klub.

Sugli atteggiamenti del suo atleta in campo, specie quando si fa sentire con delle urla dopo un punto: "A volte non lo ascolto, perché allo stadio c'è molta gente. Non puoi dirgli niente, perché l'arbitro sta guardando.

Puoi dire solo due o tre cose per calmarlo. Non mi interessa se urla. So com'è, ero anch'io un giocatore. Lascialo urlare, svuotarsi, lasciarlo vincere, questa è l'essenza" ha aggiunto. Su Carlos Alcaraz: "Sono impressionato dalla maturità con cui gioca.

Quando hai 19 anni di solito fai cose stupide in campo, ma lui fa tutto bene. Sa come andare avanti in campo, fare una seconda di servizio, cambiare il ritmo... C'è chi lo definisce un favorito e io non sono d'accordo.

Questo è un Grande Slam, è un'altra storia. Novak e Rafa sono ancora avanti ma è fenomenale, è il futuro numero uno e vincitore degli Slam" ha concluso.