Medvedev lancia la sfida a Novak Djokovic: "Voglio tornare assolutamente in vetta"



by   |  LETTURE 2190

Medvedev lancia la sfida a Novak Djokovic: "Voglio tornare assolutamente in vetta"

Daniil Medvedev sembra aver trovato la sua dimensione anche sulla terra battuta. Il tennista russo non ha perso nemmeno un set nel corso delle tre partite che lo hanno portato per la seconda volta in carriera agli ottavi di finale del Roland Garros.

Medvedev ha dominato il match di terzo turno contro Miomir Kecmanovic, uno dei giocatori più in forma del momento, e non ha nessuna intenzione di fermarsi. “Quest’anno sto giocando il mio miglior tennis al Roland Garros.

È stato un grande match, contro un avversario duro. Onestamente, prima della partita, non avrei mai immaginato di vincere con un risultato così netto sulla terra battuta. Ho servito bene, risposto a ogni servizio e gli ho reso le cose complicate.

Probabilmente non ha giocato al suo miglior livello, ma ho gestito bene la partita. Devo fare meglio dello scorso anno a Parigi, questo è il mio obiettivo. Mi sono sentito un vero giocatore da terra battuta, ma in alcune partite le cose non vanno così.

Devo continuare a lavorare" , ha spiegato il russo in conferenza stampa

Medvedev: "Voglio tornare assolutamente in vetta"

Medvedev ha trascorso solo due settimane sulla vetta del ranking ATP e ha ricevuto diverse critiche per aver perso anzitempo il primato.

"Sicuramente voglio trascorrere più di due settimane sulla vetta del ranking. Proverò a raggiungere questo obiettivo. Non so come, considerando la situazione legata a Wimbledon( ride, ndr) . Voglio tornare assolutamente in vetta.

Proverò a conquistare i migliori risultati possibili a partire dal Roland Garros. Qualcuno mi ha detto che se raggiungo la finale a Parigi, diventerò di nuovo numero uno. Buono a sapersi. È una grande motivazione.

Non è qualcosa che mi mette pressione, perché sono in grado di gestirla. Non mi è piaciuto il modo in cui ho giocato contro Gael Monfils a Indian Wells, ma è tennis. Dopo quella sconfitta, sapevo che avrei perso la prima posizione e ho pensato: ‘Wow, solo due settimane’ .

Ho cercato su Google i tennisti che hanno trascorso il minor tempo in vetta e al primo posto c’era Patrick Rafter. È stato una sola settimana numero uno, ma è una leggenda del nostro sport. Anche Carlos Moya solo due settimane.

È qualcosa che nessuno può togliermi. Non sono tanti i giocatori che hanno raggiunto la prima posizione. Le critiche e le statistiche rappresentano una grande motivazione per tornare in vetta. Credo molto in me stesso.

Volevo vincere il torneo di Ginevra, ma non ho giocato bene contro Richard Gasquet. Durante gli allenamenti, però, mi sono accorto che le cose funzionavano bene. Ho lavorato molto dal punto di vista fisico e prima del Roland Garros mi sono sentito davvero bene. Non sono così sorpreso” .