Novak Djokovic, duro attacco agli organizzatori di Wimbledon



by   |  LETTURE 6768

Novak Djokovic, duro attacco agli organizzatori di Wimbledon

Esordio con vittoria per Novak Djokovic sul Court Philippe Chatrier. Nella sessione serale, il tennista serbo ha sconfitto in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka: 6-3, 6-1, 6-0 il risultato finale. “Le sessioni notturne sono ancora piuttosto nuove al Roland Garros, ma questa è la prima volta che abbiamo una capacità del 100%, quindi ovviamente è stato divertente”, ha dichiarato il numero uno del mondo nella conferenza stampa che ha seguito il match.

“È bello avere tutto il pubblico e sono stato fortunato ad essere in programma sul Centre Court a causa delle interruzioni della pioggia”, ha detto Djokovic, che ha proseguito parlando delle sensazioni del match, “Non vedevo l'ora di scendere in pista.

Mi sono sentito davvero bene sulla terra battuta nelle ultime tre o quattro settimane. Entusiasta di competere contro i giovani. Sono felice di essere tornato perché il Roland Garros è uno dei più grandi tornei del mondo e i ricordi dell'anno scorso sono ancora freschi nella mia testa.

È stato bello tornare al Centre Court"

Il duro attacco su Wimbledon

Inevitabile il passaggio in conferenza stampa sulla decisione dell’ATP di non assegnare punti in questa edizione di Wimbledon, dati quelli che il serbo deve difendere sull’erba londinese.

“A livello personale mi ha influenzato negativamente, non avrò l'opportunità di giocare e difendere i miei 2000 punti a Wimbledon”, ha dichiarato il detentore del titolo. “Quindi, ovviamente, a livello personale questo mi ha influenzato molto negativamente.

Ma in questi giorni ho parlato con la dirigenza e il presidente dell'ATP e alcuni membri del consiglio. Nel complesso, sono contento che i giocatori si siano uniti all'ATP e abbiano mostrato al Grande Slam che quando accade un errore, ed è successo dalla parte di Wimbledon, allora dobbiamo dimostrare che ci saranno delle conseguenze"

Nel proseguo della conferenza stampa, Novak Djokovic ha affrontato anche il tema delle soluzioni alla presenza di russi e bielorussi, svelando dettagli sul governo inglese e sull’ATP: “Ci sono cose che non sapevo, per esempio, qualche giorno fa ho scoperto che c'era un documento di raccomandazione del governo inglese verso l'All England Club, dove c'erano diverse opzioni.

Non ce n'era solo una sul tavolo" "Non ne hanno discusso con nessuno dell'ATP o con nessun singolo giocatore o giocatori realmente russi o bielorussi solo per comunicare e capire se esiste un terreno comune in cui entrambe le parti potrebbero arrivare a un compromesso e qualcosa potrebbe funzionare.

Quindi penso che sia stata una decisione sbagliata. Non l'appoggio affatto. Ma in questi tempi è una questione molto delicata e, qualunque cosa tu decida, purtroppo creerà molti conflitti, molta separazione invece che unificazione", ha dichiarato Djokovic.

Il tennista serbo, seppur dalla loro parte, non risparmia neanche l’ATP e la sua decisione di non assegnare punti per il terzo Slam della stagione. “Sento che anche l'ATP avrebbe potuto trovare una via di mezzo.

Avrebbero potuto rimuovere i punti di quest'anno, ma avrebbero potuto congelare quelli dell'anno scorso, proprio come hanno fatto durante la pandemia. È tutto abbastanza ingiusto, personalmente ho perso 4.000 punti quest'anno a causa di decisioni politiche.

Quindi per me o per i tennisti che hanno fatto bene l'anno scorso, non solo non avremo la possibilità di vincere punti, ma non possiamo difenderli. È una situazione davvero unica e strana, devo dire. Naturalmente, un Grande Slam è sempre un Grande Slam.

Wimbledon per me è sempre stato il torneo dei miei sogni quando ero bambino”: con queste parole Novak Djokovic ha concluso la conferenza stampa.