Mouratoglou evidenzia l'importanza del Roland Garros 2022 per Novak Djokovic



by   |  LETTURE 1975

Mouratoglou evidenzia l'importanza del Roland Garros 2022 per Novak Djokovic

I tre Masters 1000 andati in scena sulla terra rossa hanno avuto tre vincitori diversi. Stefanos Tsitsipas si è imposto a Montecarlo, Carlos Alcaraz ha sbaragliato la concorrenza a Madrid e Novak Djokovic ha conquistato il suo primo titolo stagionale a Roma.

Trionfando agli Internazionali BNL d’Italia per la sesta volta nella sua strepitosa carriera, il numero 1 del mondo ha lanciato un chiaro avvertimento ai suoi rivali in vista del Roland Garros. Il fenomeno serbo, che sarà chiamato a difendere il titolo conquistato l’anno scorso, ha avuto un inizio di 2022 molto difficile a causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus.

Oltre a non aver potuto difendere il titolo agli Australian Open, il 34enne di Belgrado ha dovuto rinunciare anche ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami. C’è grande apprensione per le condizioni di Rafael Nadal, uscito malconcio da Roma per via del riacutizzarsi del dolore al piede che lo aveva tormentato nella passata stagione.

In un video pubblicato sul suo profilo Instagram, Patrick Mouratoglou ha passato in rassegna i quattro grandi favoriti per la vittoria a Parigi.

Le previsioni di Patrick Mouratoglou

“Il primo giocatore su cui voglio soffermarmi è Carlos Alcaraz.

Il giovanissimo spagnolo sta giocando su una nuvola in questo momento. Ha vinto l’ATP 500 di Barcellona e poi ha trionfato a Madrid, senza dimenticare la sua cavalcata a Miami qualche settimana prima. Alla Caja Magica, è diventato il primo tennista in grado di sconfiggere Rafael Nadal e Novak Djokovic nello stesso torneo sulla terra.

Poi c’è Stefanos Tsitsipas, che ha raggiunto la finale a Parigi nel 2021. Il greco ha avuto una buona preparazione e si è aggiudicato il Masters 1000 di Montecarlo. Adesso è il turno di Novak Djokovic.

La posta in palio è enorme per il serbo in quest’edizione. Ha fatto la voce grossa negli Slam l’anno scorso e questo sarà il suo primo Major nel 2022. Se dovesse vincere, eguaglierebbe Rafael Nadal a quota 21 e si riporterebbe in ottima posizione nella corsa al GOAT.

Nadal è il re della terra, ma non ha avuto una grande stagione sul rosso finora e le sue condizioni fisiche sono incerte”.