Zagoria: "Novak Djokovic vuole assolutamente vincere il suo 21° Slam"



by   |  LETTURE 1476

Zagoria: "Novak Djokovic vuole assolutamente vincere il suo 21° Slam"

Ci avviciniamo sempre di più all’inizio del Roland Garros, che promette di regalare spettacolo e colpi di scena. Gli occhi saranno puntati naturalmente su Rafael Nadal, che andrà a caccia del suo 14° sigillo all’ombra della Torre Eiffel.

Dopo un inizio di stagione a dir poco favoloso, la marcia dello spagnolo è stata bruscamente interrotta dalla frattura ad una costola rimediata durante il Masters 1000 di Indian Wells. Il 35enne di Manacor ha dovuto saltare i primi appuntamenti sul rosso (Montecarlo e Barcellona) e non ha brillato né a Madrid né a Roma.

Come se non bastasse, Rafa ha accusato un riacutizzarsi del dolore al piede che lo aveva sensibilmente limitato nella passata stagione. Sono invece salite le quotazioni di Novak Djokovic, specialmente dopo il trionfo del serbo agli Internazionali BNL d’Italia.

Il numero 1 del mondo sarà chiamato a difendere il titolo conquistato a Parigi l’anno scorso. È impossibile non citare Carlos Alcaraz, capace di aggiudicarsi ben due Masters 1000 nel 2022. Ospite nell’ultima edizione del podcast ‘Holding Court’, l’esperto di tennis Adam Zagoria ha fatto il punto sul secondo Slam stagionale.

Le previsioni di Adam Zagoria

“Se sta bene, Rafael Nadal è il grande favorito al Roland Garros. Ha conquistato il suo 21° Slam in Australia e farà tutto ciò che è in suo potere per allungare ulteriormente” – ha analizzato Zagoria.

“Novak Djokovic, dal canto suo, è super motivato ad arrivare a quota 21. Il serbo ha dovuto aspettare fino a maggio per aggiudicarsi il suo primo titolo stagionale. Nole è abituato ad avere più di un trofeo a questo punto dell’anno, ma non ha potuto giocare a Melbourne e ha saltato anche i Masters 1000 americani.

Gli è servito un po’ di tempo per ritrovare i giusti automatismi. Tra i favoriti a Parigi, è impossibile non menzionare Carlos Alcaraz. Il giovane spagnolo non ha giocato a Roma, ma a Madrid ha battuto in sequenza Nadal, Djokovic e Zverev.

Per il momento, non è mai andato oltre i quarti in un Major. Non sappiamo come se la caverà al meglio dei cinque set”.