Novak Djokovic ricorda il suo trionfo a Roma nel 2014



by   |  LETTURE 1461

Novak Djokovic ricorda il suo trionfo a Roma nel 2014

Novak Djokovic ha più volte ribadito di voler essere al 100% per l’inizio del Roland Garros, che prenderà il via domenica 22 maggio. Il numero 1 del mondo ha sofferto parecchio in questi primi mesi del 2022, complice la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus.

Oltre a non aver potuto difendere il titolo agli Australian Open, il fuoriclasse serbo ha subito anche un grave danno d’immagine. Come se non bastasse, il 34enne di Belgrado ha dovuto assistere impotente al trionfo del suo eterno rivale Rafael Nadal a Melbourne Park.

Dopo le eliminazioni premature a Dubai e Montecarlo, il 20 volte campione Slam ha dato segnali di risveglio sia a Belgrado che a Madrid. Nole ha battuto Felix Auger-Aliassime agli Internazionali BNL d’Italia e adesso se la vedrà con Casper Ruud per un posto in finale.

Nel corso di una lunga intervista per il sito dell’ATP, Djokovic ha ricordato il suo trionfo al Foro Italico nel 2014. Novak, che ha sempre avuto un legame speciale con l’Italia, ha sollevato cinque trofei nella Città Eterna.

Djokovic ad un passo da quota 1000

“Il torneo di Roma è senza dubbio uno dei più prestigiosi al mondo. Cerco di sempre di arrivare in fondo agli Internazionali d’Italia e il pubblico mi dimostra ogni anno un grandissimo affetto” – ha dichiarato Djokovic.

“Vincere qui nel 2014 è stato davvero speciale. La terra battuta è una superficie che ti costringe a faticare su ogni singolo punto, dato che il servizio è meno efficace rispetto all’erba e alle superfici dure.

Ricordo di aver disputato tre o quattro partite veramente toste nel corso di quel torneo. Dopo aver rimontato Milos Raonic in semifinale, ero fiducioso di poter conquistare il titolo anche se non ero freschissimo. Non vedevo l’ora di affrontare Rafael Nadal in finale.

Rafa ti mette ancora più pressione sulla terra e i suoi colpi sono complicatissimi da gestire fin dai primi scambi. Se riesci a resistere alla tempesta iniziale, allora avrai le tue chance” – ha raccontato Novak. Battendo Ruud, il serbo arriverebbe a quota 1000 vittorie nel circuito ATP.