Novak Djokovic torna a parlare dell'esperienza vissuta in Australia



by ANTONIO FRAPPOLA

Novak Djokovic torna a parlare dell'esperienza vissuta in Australia

La super sfida tra Novak Djokovic e Andy Murray al Masters 1000 di Madrid non si è disputata. Lo scozzese si è ammalato e ha annunciato il suo forfait a poche ore dalla partita che avrebbe dovuto aprire il programma sul Manolo Santana Stadium.

L’improvviso ritiro di Murray non ha rappresentato sicuramente una buona notizia per Djokovic, che ha bisogno di giocare il maggior numero di partite prima del Roland Garros. Il campione serbo, prima del Mutua Madrid Open, è sceso in campo solo ai tornei di Dubai e Belgrado e al Masters 1000 di Monte Carlo, dove ha perso all’esordio contro Alejandro Davidovich Fokina.

Dopo aver appreso del forfait di Murray, Djokovic ha subito prenotato una sessione di allenamento extra di circa un’ora e mezza. Il suo obiettivo è quello di mettere importanti minuti nelle gambe per migliorare le sue condizioni fisiche.

Djokovic, dal ritiro di Murray all'esperienza vissuta in Australia

“Andy è un grande campione, un giocatore che ammiro e rispetto molto. Abbiamo giocato contro alcuni match incredibili nel corso degli anni. Ci siamo incontrati su tutte le superfici e giocato finali in tutti i tornei dello Slam, se ricordo bene.

Insieme a Rafael Nadal e Roger Federer, Andy è uno dei più grandi rivali che abbia mai affrontato. Il fatto che abbiamo la stessa età rende questa rivalità ancora più speciale. Siamo cresciuti insieme.

Mi dispiace non sia stato in grado di giocare oggi. Non è bello per il torneo di Madrid e, in generale, per il nostro sport. Tutti aspettavano questa partita, spero che avremo altre occasioni presto" , ha spiegato Djokovic ai microfoni di Tennis Channel.

Cosa ho imparato negli ultimi mesi? Ad essere più paziente e a credere nel percorso. Non ho giocato molti tornei e a Dubai e Montecarlo non ero al meglio. Non colpivo la palla in modo pulito. Fisicamente non avevo molto nel serbatoio.

Questa situazione mi ha infastidito. Non vedevo l’ora di giocare dopo diversi mesi, ma non ero in grado di dare il massimo. Un po’ me lo aspettavo, perché il tennis è uno sport molto dispendioso. Uno sport dove devi giocare più partite per sentirti bene.

Ho quindi imparato ad essere più paziente con me stesso. Penso che a Belgrado la situazione sia migliorata giorno dopo giorno, non tanto dal punto di vista fisico ma da quello del gioco. Qui mi sto sentendo bene. Ho avuto il tempo di preparami bene, focalizzarmi sul lavoro atletico e migliorare la mia forma.

Sono pronto a giocare ogni singola partita. Dopo il capitolo Australia, ho probabilmente sottovalutato l’impatto emotivo. Poi ho capito che tutto quello che è successo in Australia era ancora dentro di me. Ho cercato di voltare pagina e trasformare tutto in energia positiva.

È una situazione che non avevo mai affrontato nella mia vita. È difficile spiegare le sensazioni che ho provato, devo ancora fare i conti con quanto accaduto. Mi ci è voluto del tempo per andare avanti, il supporto del pubblico in Serbia mi ha aiutato molto.

Spero di ottenere l’equilibrio mentale di cui ho bisogno da questo momento in poi” . Photo Credit: Getty Images

Novak Djokovic Australian Open