Boris Becker in prigione: il commento di Novak Djokovic

Djokovic non ha avuto un inizio di stagione facile

by Simone Brugnoli
SHARE
Boris Becker in prigione: il commento di Novak Djokovic

Novak Djokovic non ha avuto un inizio di stagione facile, complice la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Il numero 1 del mondo non ha potuto difendere il titolo agli Australian Open, oltre ad aver subito un grave danno d’immagine.

A causa delle rigide normative statunitensi, il fuoriclasse serbo ha dovuto rinunciare anche ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami. Il 20 volte campione Slam ha disputato soltanto l’ATP 500 di Dubai, il Masters 1000 di Montecarlo e l’ATP 250 di Belgrado fino a questo momento.

Nole, che ha palesato uno stato di forma abbastanza precario, cercherà di arrivare al 100% al Roland Garros. Il 34enne di Belgrado userà i tornei di Madrid e Roma come ultimi test in vista di Parigi, dove sarà chiamato a difendere il titolo conquistato l’anno scorso.

Nella tradizionale conferenza stampa prima dell’inizio del Mutua Madrid Open, è stato chiesto a Djokovic un commento sulla triste vicenda riguardante il suo ex coach Boris Becker. Il tedesco è stato condannato a due anni e mezzo di reclusione per aver nascosto beni e ricchezze, evitando di collaborare con il curatore fallimentare.

Il tre volte campione di Wimbledon dovrà scontare in carcere almeno metà della pena.

Djokovic ha il cuore spezzato

“Ho il cuore spezzato” – ha esordito Djokovic. “Io e Boris Becker ci conosciamo da tanto tempo e siamo amici, oltre ad essere stato il mio allenatore per 3-4 anni.

Ha contribuito in prima persona al mio successo. Sono davvero triste per quello che gli è successo, non posso dire altro. Non entrerò nei dettagli della vicenda, perché non sono nella posizione di farlo. Come suo amico, sono molto affranto.

Credo non ci sia altro da aggiungere” – ha dichiarato Nole. Il serbo si augura che Boris riesca a resistere: “Non so come andranno le cose per lui. Spero che si prenda cura della sua salute mentale, perché quella sarà la parte più difficile”.

Il veterano di Belgrado esordirà a Madrid contro il vincente della sfida tra Gael Monfils e Carlos Gimeno Valero.

Boris Becker Novak Djokovic
SHARE