Knowles: "Mi ha stupito il crollo di Novak Djokovic nella finale di Belgrado"

Il 2022 non è iniziato nel migliore dei modi per il fenomeno serbo

by Simone Brugnoli
SHARE
Knowles: "Mi ha stupito il crollo di Novak Djokovic nella finale di Belgrado"

Dopo aver sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ l’anno scorso, Novak Djokovic ha dovuto fare i conti con alcuni momenti difficili. Il 2022 non è iniziato nel migliore dei modi per il fenomeno serbo, che ha pagato a carissimo prezzo la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus.

Il numero 1 del mondo non ha potuto difendere il titolo agli Australian Open, oltre ad aver subito un grave danno d’immagine. Come se non bastasse, il 34enne di Belgrado ha dovuto assistere impotente al trionfo del suo eterno rivale Rafael Nadal a Melbourne Park.

Nole ha fatto il suo esordio stagionale a Dubai, ma la sua corsa si è arrestata già nei quarti per mano di uno scatenato Jiri Vesely. Il 20 volte campione Slam ha poi disputato il Masters 1000 di Montecarlo e l’ATP 250 di Belgrado, palesando una condizione fisica ben lontana dal 100%.

Il grande obiettivo di ‘Djoker’ è ovviamente il Roland Garros, dove sarà chiamato a difendere il titolo conquistato nel 2021. Ai microfoni di Tennis Channel, l’ex numero 1 del mondo in doppio Mark Knowles ha analizzato nel dettaglio le ultime prestazioni di Novak.

Nole è ancora lontano dal 100%

“Devo ammettere di essere rimasto un po’ sorpreso. Sapevamo che Novak Djokovic avrebbe faticato all’inizio, non avendo il ritmo partita ed essendo rimasto fermo per molto tempo a causa della ben nota questione vaccinale.

Il fatto di non sapere dove e quando avrebbe potuto giocare non lo ha certo aiutato sul piano psicologico. Come se non bastasse, Nole ha tirato fuori una malattia non meglio precisata” – ha spiegato Knowles. “Mi aspettavo che a Montecarlo non avesse benzina sufficiente per superare Alejandro Davidovich Fokina.

Tuttavia, mi ha stupito il crollo contro Andrey Rublev nel terzo set della finale di Belgrado. Voglio vedere cosa succederà a Madrid e Roma” – ha aggiunto Mark. Il veterano di Belgrado non avrà problemi a giocare il Roland Garros, dato che la Francia ha abolito il pass vaccinale favorendo il ritorno alla normalità. Nole potrà difendere il titolo anche a Wimbledon.

Novak Djokovic
SHARE