Nikola Pilic incorona Novak Djokovic



by   |  LETTURE 1984

Nikola Pilic incorona Novak Djokovic

Novak Djokovic si è dovuto inchinare ad un grande Andrey Rublev nella finale del Serbia Open 2022, subendo un pesante bagel nel terzo set. Il numero 1 del mondo è ancora lontano dal top della forma, ma ha comunque evidenziato progressi davanti al pubblico amico.

Il fuoriclasse serbo ha pagato a carissimo prezzo la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus, non avendo potuto difendere il titolo agli Australian Open. Oltre ad aver subito un grave danno d’immagine, Nole ha assistito da casa al trionfo di Rafael Nadal a Melbourne Park.

Il suo esordio stagionale è avvenuto sul cemento di Dubai, ma la sua corsa si è interrotta già nei quarti per mano di uno scatenato Jiri Vesely. A causa delle rigide normative statunitensi, il 34enne di Belgrado è stato costretto a saltare anche i Masters 1000 di Indian Wells e Miami.

A Montecarlo ‘Djoker’ è stato battuto subito da Alejandro Davidovich Fokina, che sulle ali dell’entusiasmo ha raggiunto addirittura la finale. Poco dopo la fine del Serbia Open, Nikola Pilic ha incoronato Novak come il più grande di sempre.

Pilic incorona Novak Djokovic

“Per prima cosa, voglio dire che è un grandissimo onore essere qui. Novak Djokovic non è uno dei più grandi di sempre, è il più grande di sempre. Nella lotta con Roger Federer, Rafael Nadal e Andy Murray, Nole ha dimostrato di essere il migliore.

Sono i numeri stessi a testimoniare la sua superiorità. Stiamo parlando di un giocatore che è rimasto in vetta al ranking ATP per 366 settimane, che sono più di sette anni. Dal mio punto di vista, potrebbe trascorrere un millennio prima che quel record venga battuto” – ha dichiarato Pilic.

Nikola ha sempre saputo che Novak sarebbe diventato un grande campione: “Sono molto legato a lui e gli auguro il meglio. Srdjan e io abbiamo sempre pensato che sarebbe diventato un fenomeno. La cosa più importante è che sia rimasto un grande uomo. La Serbia deve essere orgogliosa di poter contare su una leggenda come Novak Djokovic”.