Eubanks: "Novak Djokovic non è ancora a posto fisicamente"



by   |  LETTURE 2724

Eubanks: "Novak Djokovic non è ancora a posto fisicamente"

Il 2022 è stato pieno di difficoltà per Novak Djokovic fino a questo momento. A causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus, il numero 1 del mondo non ha potuto difendere il titolo agli Australian Open e ha subito un grave danno d’immagine.

Il fuoriclasse serbo ha dovuto aspettare l’ATP di Dubai per fare il suo esordio stagionale, ma non è riuscito ad andare oltre i quarti di finale (battuto in due set da uno scatenato Jiri Vesely). Le rigide normative statunitensi lo hanno costretto a saltare anche i Masters 1000 di Indian Wells e Miami.

La sua ‘campagna’ sulla terra rossa non è iniziata nel migliore dei modi, visto che Nole si è fatto sorprendere da Alejandro Davidovich Fokina al secondo turno del Masters 1000 di Montecarlo. Segnali di risveglio sono arrivati a Belgrado, dove ‘Djoker’ ha raggiunto la finale pur senza esprimere un livello di tennis eccelso.

Il 34enne di Belgrado vuole arrivare al 100% al Roland Garros, in programma a fine maggio. In una lunga conversazione su Tennis Channel, Christopher Eubanks ha analizzato il momento che sta attraversando Djokovic.

Nole giocherà i Masters 1000 di Madrid e Roma

“Novak Djokovic non ha giocato per niente bene a Montecarlo, accusando un crollo repentino nel terzo set della sfida contro Alejandro Davidovich Fokina.

A Belgrado si sono notati dei progressi, anche se non è ancora al 100%. Nole ha vinto tre autentiche battaglie e abbiamo visto alcuni sprazzi del giocatore che conosciamo. Non è ancora al top dal punto di vista fisico, come dimostra il 6-0 incassato da Andrey Rublev nel terzo set della finale.

Madrid e Roma gli serviranno per migliorare ulteriormente in vista di Parigi. Non credo che il suo gioco sia un problema, è solo una conseguenza. Quando tornerà al 100% dal punto di vista fisico e mentale, tutto gli verrà automatico in campo” – ha spiegato Eubanks.

Novak non avrà problemi a giocare il Roland Garros, dato che la Francia ha abolito il pass vaccinale il mese scorso. Il serbo sarà chiamato a difendere il titolo conquistato nel 2021.