Novak Djokovic: "Non mi sono mai sentito più forte di adesso"



by   |  LETTURE 2602

Novak Djokovic: "Non mi sono mai sentito più forte di adesso"

Novak Djokovic ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie durante il secondo turno del 250 di Belgrado per avere la meglio nel derby tutto serbo contro Laslo Djere. Punteggio finale 2-6, 7-6, 7-6 per il numero uno del ranking mondiale e qualificazione ai quarti di finale.

Nel prossimo turno, ad attenderlo, ci sarà un altro connazionale ovvero Miomir Kecmanovic. “ Non sono mai stato più fresco” - ha debuttato Djokovic scherzando subito dopo il match vinto- “Non so cosa dire, non posso dire altro che questo.

Sono pronto; sono pronto per la prossima sfida. So che l'avversario mi sta guardando e quindi dico che non mi sono mai sentito più forte di adesso”. Sulla prossima sfida contro Kecmanovic, Nole è stato molto chiaro ed anche in questo caso ha concluso il suo pensiero con una battuta: "Ha registrato i migliori risultati negli ultimi quattro mesi", ha dichiarato.

”È giovane, ha il potenziale per raggiungere la vetta, glielo auguro, ma aspettiamolo ancora un altro po', almeno domani"

Il serbo ha voluto ringraziare i fan

Infine il campione di Belgrado, parlando del match vinto contro Djere, ha voluto ringraziare i tanti tifosi che sono rimasti sugli spalti fino alla fine dell'incontro "Un enorme grazie al pubblico che è rimasto al freddo in un orario così tardi.

È difficile descrivere l'onore e il privilegio di giocare davanti al proprio pubblico. Mi dispiace che uno di noi abbia dovuto perdere. Laslo è stato migliore durante la maggior parte del match; ha dettato la partita", ha concluso il 34enne.

Novak Djokovic ha ottenuto così il suo secondo successo in questo 2022 che ha giocato con il contagocce a causa del suo status di non vaccinato. Dopo la diatriba e le polemiche che sono accadute agli Australian Open, il campione in carica di Wimbledon ha giocato solo due turni al 500 di Dubai, un turno a Monte Carlo e ora la sua quarta partita nel torneo di casa.