Rusedski: "Novak Djokovic deve tornare a vincere, non importa come"



by SIMONE BRUGNOLI

Rusedski: "Novak Djokovic deve tornare a vincere, non importa come"

Novak Djokovic ha vinto soltanto due partite quest’anno e ha un disperato bisogno di recuperare fiducia. Il suo 2022 è iniziato malissimo, complice anche la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Il fuoriclasse serbo è rimasto fedele ai suoi ideali, ma ha pagato a caro prezzo questa scelta.

Oltre a non aver potuto difendere il titolo agli Australian Open, il numero 1 del mondo ha subito anche un grave danno d’immagine. Nole ha fatto il suo esordio stagionale sul cemento di Dubai, ma è stato sconfitto già nei quarti da uno scatenato Jiri Vesely.

A causa delle rigide normative statunitensi, il 20 volte campione Slam ha dovuto rinunciare pure ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami. Il 34enne di Belgrado si è ripresentato sulla terra di Montecarlo, dove si è fatto sorprendere da Alejandro Davidovich Fokina al secondo turno.

Djokovic ha ribadito che il suo principale obiettivo è il Roland Garros, dove sarà chiamato a difendere il titolo conquistato l’anno scorso. Ai microfoni di Eurosport, Greg Rusedski ha affermato che Novak sarà pronto per il secondo Major della stagione.

Rusedski è ottimista su Nole Djokovic

“In questo momento, non importa come Novak Djokovic vinca le partite. Ha soltanto bisogno di accumulare match e andare avanti nei tornei, anche senza esprimere un gran tennis” – ha esordito Rusedski.

“State tranquilli, Nole non ha dimenticato come si gioca a tennis. Gli manca il ritmo partita e l’abitudine a vincere si è un pochino affievolita. Deve risalire sul carro e rimettersi in gioco. Con il passare delle settimane, il suo livello salirà e rivedremo presto il vero Novak.

Farà tutto il possibile per arrivare in piena forma al Roland Garros” – ha continuato Greg. Gli ha fatto eco Justine Henin: “Sono sicura che Djokovic si riprenderà e che rivedremo la sua miglior versione prima o poi.

I tennisti professionisti non sono macchine, si sapeva che Nole avrebbe incontrato qualche difficoltà all’inizio. Ha giocato pochissimo negli ultimi mesi e ha dovuto gestire diverse situazioni scomode, che lo hanno provato molto sul piano emotivo. Ha bisogno di un po’ di tempo per risalire la china”.

Novak Djokovic