Ruud esalta le capacità su terra battuta di Novak Djokovic



by GIANLUCA RUFFINO

Ruud esalta le capacità su terra battuta di Novak Djokovic

A qualche ora dal proprio esordio al primo master 1000 su terra battuta a Montecarlo, il finalista di Miami Casper Ruud ha espresso il proprio parere sul gioco sul rosso di Novak Djokovic, ai nastri di partenza nel principato e pronto a disputare il secondo torneo della propria sgangherata stagione.

Il norvegese nelle ultime settimane ha fatto il decisivo salto di qualità e l’approdo alla sua superficie preferita potrebbe portargli ulteriori successi, partendo già dal torneo di Montecarlo, in cui Ruud risulta tra i favoriti.

Ruud:“Ovviamente è uno dei migliori giocatori del Tour”

Il 23enne norvegese ha confrontato lo stile di gioco del numero uno al mondo con quello di Rafa Nadal, padrone assoluto sulla terra battuta. “Lui (Nole) gioca un po' diversamente da Rafa.

Gioca un po' più all'interno del campo e la cosa con Novak è che il suo rovescio è così puro e così buono, che anche se molti giocatori della terra battuta come Rafa amano spingere sul rovescio del loro avversario perché è difficile con l'alto rimbalzo, con la pesantezza, Novak si oppone meglio di chiunque altro perché ha un gran controllo con il suo rovescio” ha detto Ruud.

Ruud ha esaltato entrambi i colpi del campione serbo. “Rende difficile trovare qualsiasi buco nel suo gioco e anche il suo dritto non è una debolezza, quindi può produrre vincenti e buoni colpi difensivi da entrambi i lati tutto il tempo.

Ha uno stile per cui non puoi davvero riposare in nessun angolo del campo quando giochi contro di lui perché o gioca con il suo rovescio e ti spingerà con quello o con il suo dritto può produrre grandi angoli e diversi colpi” ha dichiarato il numero 7 del mondo.

Ruud ha poi rivelato quali sono gli aspetti vincenti del gioco di Djokovic sulla terra battuta. “Ovviamente è uno dei migliori giocatori del Tour. Può arrivare su certe palle e giocare in difesa come nessun altro giocatore, quindi penso che sia questo che lo rende così duro come è sia sul cemento duro che sulla terra battuta.

Ma sulla terra battuta, è in grado di entrare in campo e recuperare quei colpi pesanti che si cerca di giocare contro di lui e rispondere con una buona profondità” ha concluso il norvegese.

Novak Djokovic