Corretja: "Ecco cosa ne penso della rottura fra Novak Djokovic e Marian Vajda"



by   |  LETTURE 2815

Corretja: "Ecco cosa ne penso della rottura fra Novak Djokovic e Marian Vajda"

Il 2022 di Novak Djokovic è iniziato nel peggiore dei modi. Il fuoriclasse serbo ha giocato soltanto il torneo di Dubai quest’anno, cedendo nei quarti ad uno scatenato Jiri Vesely. La sua scelta di non vaccinarsi contro il Covid-19 gli ha impedito di difendere il titolo agli Australian Open, oltre ad aver subito un grave danno d’immagine.

Il 20 volte campione Slam ha perso la leadership del ranking ATP in favore di Daniil Medvedev, reduce dalla tremenda beffa nella finale dell’Happy Slam. Le rigide normative statunitensi hanno obbligato Nole a rinunciare anche ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami, nonostante ‘Djoker’ abbia fatto tutto il possibile per entrare negli USA (interpellando il CDC).

Per rivedere in campo il numero 2 ATP dovremo aspettare il Masters 1000 di Montecarlo, visto che la Francia eliminerà il pass vaccinale dal 14 marzo. Il 34enne di Belgrado potrà giocare il Roland Garros, dove l’anno scorso si è reso autore di una cavalcata memorabile.

Ai microfoni di Eurosport, Alex Corretja si è soffermato sul momento che sta vivendo ‘Djoker’.

Djokovic tornerà in azione a Montecarlo

“Mi ha sorpreso la notizia della separazione fra Novak Djokovic e Marian Vajda” – ha esordito Corretja.

“I top player hanno tutti bisogno di una persona fidata che li conosca perfettamente, a cui si aggiunge magari una leggenda del passato. Marian conosce perfettamente Nole ed è sempre stato impeccabile nella gestione dei momenti chiave.

È molto raro che queste figure vengano allontanate, di solito sono gli altri a ruotare” – ha aggiunto lo spagnolo. L’ex numero 2 ATP è sceso poi nel dettaglio: “Forse Novak ha bisogno di qualcosa di nuovo e Vajda sentiva di non poterglielo dare.

È possibile anche che Marian avesse bisogno di riposare e di trascorrere più tempo con la sua famiglia dopo tutti questi anni in giro per il mondo”. Sotto la guida del coach slovacco, Djokovic ha conquistato tutti i 20 Slam che popolano la sua straordinaria bacheca.

Il serbo ha sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ l’anno scorso, pagando dazio nella finale degli US Open.