Henin: "La fiducia di Novak Djokovic si è incrinata dopo le Olimpiadi"



by   |  LETTURE 2262

Henin: "La fiducia di Novak Djokovic si è incrinata dopo le Olimpiadi"

Novak Djokovic sta incontrando parecchie difficoltà in questo inizio di stagione. Il fenomeno serbo ha giocato un solo torneo fino a questo momento, non avendo potuto difendere il titolo agli Australian Open per le ben note vicende.

La sua corsa a Dubai si è interrotta già nei quarti per mano del redivivo Jiri Vesely, abile a sfruttare la giornata negativa del 20 volte campione Slam. A causa della questione vaccinale, il 34enne di Belgrado non potrà partecipare ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami.

Come se non bastasse, Daniil Medvedev lo ha superato in vetta al ranking ATP, diventando il 27° numero 1 nella storia del tennis maschile. Sono giunte invece buone notizie dalla Francia, dove presto sarà abolito il Green Pass.

Ciò dovrebbe permettere a Nole di disputare il Masters 1000 di Montecarlo e soprattutto il Roland Garros. Qualche giorno fa, Djokovic e Marian Vajda hanno comunicato di aver posto fine alla loro gloriosa collaborazione.

Sotto la guida del coach slovacco, Novak si è aggiudicato tutti e 20 i Major che impreziosiscono la sua bacheca. Ai microfoni di Eurosport, Justine Henin ha analizzato nel dettaglio la situazione di ‘Djoker’.

Il punto di vista di Justine Henin

“Non c’è dubbio che Novak Djokovic stia attraversando un momento complicato” – ha esordito la Henin. “Nei momenti difficili, sei spesso costretto a prendere decisioni importanti.

Nole non fa eccezione a questa regola. Io credo che il serbo si sia un po’ bloccato dopo la sconfitta contro Alexander Zverev alle Olimpiadi di Tokyo. La fiducia di Djokovic si è incrinata a partire da quel giorno, non so se mi spiego.

Di recente, abbiamo saputo che il suo storico coach Marian Vajda non era favorevole alla sua partecipazione ai Giochi. Questa separazione avrà certamente un impatto su Novak nei prossimi mesi” – ha aggiunto Justine.

Il belgradese ha dovuto assistere al trionfo del suo eterno rivale Rafael Nadal agli Australian Open. Lo spagnolo, che ha superato Federer e Djokovic nella classifica all-time degli Slam, proverà ad allungare ulteriormente al Roland Garros.