Cerundolo: "Ero senza parole la prima volta che ho incontrato Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 2080

Cerundolo: "Ero senza parole la prima volta che ho incontrato Novak Djokovic"

Novak Djokovic ha incontrato parecchie difficoltà in questo inizio di stagione. La sua scelta di non vaccinarsi gli ha impedito di difendere il titolo agli Australian Open, il suo torneo preferito, dove ambiva alla decima corona.

Come se non bastasse, il numero 2 ATP ha dovuto assistere impotente alla vittoria del suo eterno rivale Rafael Nadal a Melbourne Park. Il veterano serbo ha fatto il suo esordio stagionale sul cemento di Dubai, ma non è riuscito ad andare oltre i quarti di finale.

La prematura uscita di scena negli Emirati Arabi gli è costata la prima piazza del ranking ATP in favore di Daniil Medvedev, che è divenuto il 27° numero 1 del mondo nella storia del tennis maschile. A causa della ben nota questione vaccinale, il 34enne di Belgrado salterà anche i Masters 1000 di Indian Wells e Miami.

Sono arrivate invece buone notizie dalla Francia: l’imminente abolizione del Green Pass dovrebbe consentirgli di giocare il Masters 1000 di Montecarlo e soprattutto il Roland Garros. In una recente intervista a SportKlub, Francisco Cerundolo ha descritto il suo primo incontro con Nole al Serbia Open 2021.

Il racconto di Cerundolo

“L’anno scorso sono arrivato in fondo a Buenos Aires, poi mi sono recato in Europa. Circa tre settimane dopo, ho giocato il Serbia Open. Ero in palestra e all’improvviso è entrato Novak Djokovic, non lo avevo mai visto dal vivo in tutta la mia vita” – ha raccontato Cerundolo.

“Ero davvero nervoso quando l’ho visto arrivare. Si è avvicinato a me, mi ha salutato e si è presentato. Quasi non riuscivo a parlare per quanto ero teso. Si è congratulato con me per la splendida cavalcata a Buenos Aires.

Mi ha sorpreso: è il numero 1 del mondo, ha un milione di cose da fare, ma conosce i miei risultati e quelli di mio fratello. Sono rimasto davvero a bocca aperta” – ha continuato l’argentino. Djokovic ha sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ nel 2021, cedendo a Daniil Medvedev nell’ultimo atto degli US Open. Una sconfitta lacerante che gli ha impedito di eguagliare Rod Laver.