Hurkacz: "Ricambio generazionale? Medvedev ha sconfitto Djokovic in una finale Slam"



by   |  LETTURE 2579

Hurkacz: "Ricambio generazionale? Medvedev ha sconfitto Djokovic in una finale Slam"

Nonostante i numerosi successi e le incredibili imprese compiute nel mondo del tennis, Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal non hanno nessuna intenzione di fermarsi. Il campione svizzero non vede l’ora di tornare a giocare dopo i continui problemi al ginocchio e, in un’intervista a Srf Sport, ha dichiarato: “Sto ricostruendo il tutto, posso pensare ora lentamente al mio ritorno.

Qualche settimana fa ho fatto una risonanza magnetica, il cui esito è stato molto positivo. Questo mi lascia ben sperare e mi fa sentire sicuro. Ci vorrà sicuramente un po' di tempo. Potrei rientrare verso la fine dell'estate o a inizio autunno” .

Djokovic, escludendo la triste parentesi australiana, ha perso una sola partita negli ultimi quattro tornei del Grande Slam. L’unica sconfitta, quella contro Daniil Medvedev agli US Open, gli ha impedito di coronare il sogno Grande Slam.

Nadal, invece, è rientrato nel Tour e superato l’infortunio al piede. Il maiorchino ha vinto tre tornei consecutivi, tra cui gli Australian Open, e superato i suoi due rivali nella lotta al primato Slam.

Hurkacz sul ricambio generazionale

Hubert Hurkacz, in una recente intervista rispedirà a Essentially Sports, ha parlato proprio delle differenze tra i Big 3 e il resto del circuito.

“Daniil è stato in grado di battere Djokovic agli US Open e penso sia molto vicino al livello dei Big 3. Penso che tutti i tennisti presenti in top 10 stiano cercando di migliore il proprio gioco per avvicinarsi ai migliori.

Giocare contro determinati tennisti ti permette di migliorare. Ci stiamo muovendo verso quella direzione” . Hurkacz ha decisamente deluso le aspettative agli Australian Open. Il polacco, testa di serie numero 10, ha perso al secondo turno in tre set contro Adrian Mannarino.

“Probabilmente la mia preparazione in vista dei primi appuntamenti del 2022 non è stata ideale. Le cose non sono andate per il verso giusto, non abbiamo potuto rispettare il programma stabilito in precedenza. È stata un’esperienza nuova e diversa. Non mi sono allenato quanto avrei voluto. Cercherò di migliorare il prossimo anno” .