Richard Krajicek chiama Novak Djokovic a Rotterdam



by   |  LETTURE 8867

Richard Krajicek chiama Novak Djokovic a Rotterdam

Novak Djokovic non ha potuto difendere il suo titolo agli Australian Open, essendo stato espulso dal Paese il giorno prima dell’inizio del torneo. Pur avendo vinto il primo ricorso davanti al giudice Anthony Kelly, al numero 1 del mondo è stato cancellato per la seconda volta il visto ad opera del ministro dell’Immigrazione Alex Hawke.

I tre giudici della Corte Federale hanno confermato l’ordine di revoca del visto e Nole è stato obbligato a tornare a casa dopo un lungo tira e molla. Il fuoriclasse serbo andava a caccia del suo decimo sigillo a Melbourne Park, che gli avrebbe consentito di superare Roger Federer e Rafael Nadal nella classifica all-time degli Slam.

Se Daniil Medvedev dovesse vincere gli AO, il 34enne di Belgrado perderebbe la prima piazza del ranking ATP in favore del russo. La scelta di Djokovic di non vaccinarsi potrebbe influenzare tutta la sua stagione, anche se bisognerà osservare l’evoluzione della situazione pandemica.

Intervistato da ‘Netherlandsnewslive’, Richard Krajicek ha invitato Novak a partecipare all’ATP di Rotterdam. Il torneo olandese si svolgerà dal 7 al 13 febbraio (a porte chiuse).

Krajicek chiama Nole Djokovic

“Ogni anno chiamiamo l’agente di Novak Djokovic e gli rinnoviamo il nostro interesse ad averlo qui a Rotterdam” – ha confidato Krajicek.

“Di solito, Nole è reduce dagli Australian Open e preferisce trascorrere del tempo insieme alla sua famiglia. Questo fattore gli ha sempre impedito di giocare in Olanda fino ad oggi. Quest’anno, dopo quello che è successo a Melbourne, la situazione potrebbe essere diversa” – ha aggiunto.

Ai microfoni di Eurosport, John McEnroe ha analizzato nel dettaglio il caso Djokovic: “La sua decisione di non vaccinarsi rischia di complicargli parecchio le cose in questa stagione. Non sarà facile per lui difendere tutti i titoli che si è aggiudicato lo scorso anno.

Non c’è dubbio che questa vicenda lo abbia profondamente colpito. È davvero un peccato, visti anche i suoi sforzi per farsi amare dalle persone. Non ho idea di cosa accadrà nei prossimi mesi, ma la gente è tornata a schierarsi contro Nole”.