Flavia Pennetta: "Non credo che Novak Djokovic si vaccinerà in futuro"



by   |  LETTURE 9655

Flavia Pennetta: "Non credo che Novak Djokovic si vaccinerà in futuro"

La vicenda Novak Djokovic continua a far discutere dentro e fuori il mondo del tennis. Il campione serbo è stato estromesso dall'Australia e di conseguenza dagli Australian Open dopo una dura battaglia legale che lo ha visto protagonista.

Prima in Australia gli hanno concesso esenzione medica e poi gliel'hanno negata con Nole che d'altro canto ha sempre rifiutato la possibilità di effettuare il vaccino per il Covid-19. L'ex campionessa di tennis Flavia Pennetta, moglie tra l'altro del tennista ligure Fabio Fognini (attualmente impegnato ai Quarti di finale nel doppio in Australia), ha parlato della situazione di Nole ed ha affermato che, a suo parere, il tennista non farà il vaccino nonostante il rischio di dover saltare altri importanti tornei.

Le parole della Pennetta su Novak Djokovic

Intervenuta ai microfoni del Corriere della Sera l'ex campionessa ha dichiarato: "Non ho idea di come riuscirà a giocare nei tornei dove il vaccino è obbligatorio, ma dubito che si farà vaccinare ora.

Rimarrà fedele a sé stesso, forse anche più rispetto a prima. Per i non vaccinati d'ora in poi sarà però infernale. Io ho anche altri amici oltre Novak Djokovic che non sono vaccinati, ma sono per la libertà di scelta invece lo trattano come un criminale.

Parliamo di un uomo di 34 anni che ha ribaltato le gerarchie della storia del tennis. Io e Novak abbiamo un ottimo rapporto, siamo amici ed ho buon rapporto anche con Edoardo Artaldi ed Elena Cappellaro, i suoi due agenti, davvero due brave persone"

Cosa gli direi per quello che è successo in Australia? "Beh, gli direi che è stato un pazzo, al posto suo poteva restare a casa con moglie e figli. Sarebbe stato meglio non sfidare L'Australia, un paese che assolutamente non condivide le idee dei No Vax.

Sarebbe stato meglio non andarci" Flavia Pennetta ha continuato affermando che allo stesso tempo era consapevole che Novak Djokovic avrebbe preso questa scelta perché parliamo di una persona con idee chiarissime e valori ben definiti.