Kecmanovic: "Djokovic? No, non l'ho sentito. Non volevo disturbarlo..."



by   |  LETTURE 5407

Kecmanovic: "Djokovic? No, non l'ho sentito. Non volevo disturbarlo..."

Uno dei protagonisti di questa prima settimana agli Australian Open è stato certamente Miomir Kecmanovic. Il tennista serbo è approdato per la prima volta in carriera in un ottavo di finale del Grand Slam dopo aver battuto, in quattro set, il tennista italiano Lorenzo Sonego.

Kecmanovic avrebbe dovuto affrontare nel primo turno il numero uno al mondo Novak Djokovic che è stato poi estromesso per le note vicende legate all’espulsione del visto. Questa esclusione ha permesso al 22enne, nativo di Belgrado, di poter avanzare senza neanche grossi grattacapi al quarto turno degli Australian Open: "Una settimana fa avrei dovuto affrontare il numero 1 del mondo e non avrei avuto molte possibilità.

Ora sono negli ottavi di finale, quindi sono felice di aver potuto sfruttare questa possibilità e di aver giocato un ottimo tennis” -ha dichiarato- “Non avevo molta pressione solo perché ho sentito di avere una seconda opportunità, e volevo usarla al meglio.

Fino a questo momento l’ho fatto al meglio che potevo”

"DJOKOVIC? NON L'HO SENTITO PER NON DISTURBARLO"

Il classe 1999, che ha vinto in carriera 1 titolo Atp, ha anche risposto a chi gli chiedeva se avesse parlato con il connazionale Djokovic
"Penso che si stia ancora riprendendo da tutto.

Non volevo disturbarlo e volevo lasciargli il suo spazio. Parlerò sicuramente con lui prima o poi quando le cose si saranno calmate" Miomir Kecmanovic affronterà domani Gael Monfils nella gara che mette in palio i quarti di finale degli Australian Open.

Il francese ha cominciato come al meglio non poteva la stagione: vittoria nel 250 di Adelaide e tre partite dominate a Melbourne dove non ha ancora lasciato un set a casa.
I due si sono già affrontati al Paris Masters del 2021: la gara fu poi vinta dall’esperto 35enne 4-6, 7-5, 6-3 in rimonta: “Sarà sicuramente difficile” -ha concluso il serbo- “Ci ho giocato contro l’ultima volta a Parigi e fu una dura partita di tre set.

Lui sta giocando bene, ma anche io ho giocato molto bene e sono in un buon momento. Quindi spero che questo possa essere abbastanza per farmi passare il turno”.