Tennis Australia commenta il caso Djokovic: "Ci sono sempre lezioni da imparare"



by   |  LETTURE 4638

Tennis Australia commenta il caso Djokovic: "Ci sono sempre lezioni da imparare"

A due giorni dalla decisione presa dalla Corte Federale, Tennis Australia si è finalmente espressa sul caso Novak Djokovic. La Federazione di tennis australiana non può essere considerata di certo esente da colpe, sopratutto dopo le indiscrezioni raccolte da News Corp.

Tennis Australia avrebbe infatti fornito informazioni sbagliate sulle norme di ammissione per i giocatori non vaccinati. La vicenda che ha visto come protagonista Renata Voracova rappresenterebbe la prova più chiara.

La giocatrice ceca ha inizialmente ricevuto il permesso di entrare in Australia dagli agenti di frontiera e ha disputato in doppio uno dei tornei pre Australian Open. Solo dopo la cancellazione del visto di Djokovic, la Voracova è stata sottoposta a un duro interrogatorio e successivamente espulsa.

Tennis Australia commenta il caso Novak Djokovic

"Come famiglia australiana del tennis, riconosciamo che gli eventi recenti sono stati una distrazione significativa per tutti e ci rammarichiamo profondamente per l'impatto che ciò ha avuto su tutti i giocatori" , scrive Tennis Australia in una nota ufficiale.

"Tennis Australia ha lavorato a stretto contatto con il governo federale e del Victoria State nell'ultimo anno per offrire un Australian Open sicuro dal Covid per i giocatori, lo staff e i tifosi. Ci sono sempre lezioni da imparare" .

Nel breve comunicato, Tennis Australia non ha mai fatto il nome del campione serbo e non si è per niente soffermata sui dettagli della vicenda. Anche uno dei main sponsor di Djokovic ha pubblicato un comunicato ufficiale.

Si tratta della casa d'abbigliamento francese Lacoste, che collabora con il belgradese dal 2017. "Il prima possibile ci metteremo in contatto con Novak Djokovic per rivedere gli eventi che hanno accompagnato la sua presenza in Australia.

Auguriamo a tutti un ottimo torneo e ringraziamo gli organizzatori per tutti i loro sforzi volti a garantire che il torneo si svolga in buone condizioni per giocatori, staff e spettatori” . Vedremo se gli altri sponsor di Djokovic si esprimeranno sulla vicenda e prenderanno una chiara posizione.

Nel frattempo, Dijana Djokovic, madre di Novak, ha fatto sapere che suo figlio non parlerà pubblicamente dell'accaduto nelle prossime settimane.