Australian Open, svelata la decisione definitiva su Novak Djokovic

Il serbo perde la causa, dovrà lasciare il Paese

by Luca Ferrante
SHARE
Australian Open, svelata la decisione definitiva su Novak Djokovic

Quasi un mese di incertezza e dura battaglia legale per un caso che ha fatto 'appassionare' tutto il mondo. La Corte federale, composta collegio dal giudice capo James Allsop, Anthony Besanko e David O'Callaghan, ha esaminato entrambe le tesi portate in udienza dalle due parti (Governo federale e avvocati del tennista serbo) ed è arrivata a una decisione finale: Novak Djokovic non potrà giocare gli Australian Open.

Il giocatore ha perso la causa nel tentativo disperato di annullare la sua espulsione dal Paese, decisa dal ministro dell'immigrazione Alex Hawke, e il presidente del collegio ha sentenziato che gli verrà nuovamente richiesto di lasciare l'Australia.

Un provvedimento unanime. Il numero uno del mondo sarà così espulso: non si comprende ancora per quanto tempo e se sarà applicata la dura regola dei tre anni, che non gli consentirebbe di giocare nemmeno nelle prossime edizioni.

Quello che è al momento certo è che la manifestazione di Melbourne non avrà fra i nastri di partenza il vincitore degli ultimi tre anni, nonché nove volte campione in Australia.

È tutto finito?

L'intento della Corte è stato molto chiaro e rispettato: prendere subito una decisione, massimo entro la serata australiana (alla fine l'iter è stato ulteriormente accelerato visto che la sentenza definitiva si è tenuta alle 17:45; 7:45 in Italia), e spiegare tutte le motivazioni con più calma nei prossimi giorni, dato che lunedì 17 gennaio partirà appunto il primo Grande Slam della stagione 2022 in Australia.

La vicenda però potrebbe non essere finita qui in tribunale: come riportato anche da Sky sport, il giudice Allsop ha concesso altri 30 minuti ai legali di Djokovic (non dovrebbe emettere un'altra ordinanza, non ritenendolo necessario).

Secondo la giornalista giudiziaria Karen Sweeney, ci sono praticamente zero possibilità che una domanda (o udienza) di congedo speciale della Corte suprema possa essere ascoltata e data prima del match di Nole in programma lunedì.

Insomma, sembra quasi impossibile per il numero uno al mondo ribaltare anche questa decisione a sfavore. Il sogno Australian Open è praticamente sfumato in queste ore.

L'ultimo aggiornamento

I legali di Novak Djokovic non impugneranno la sentenza.

Si chiude definitivamente il caso legato al numero uno del mondo, che dovrà fare ritorno nel proprio Paese senza disputare gli Australian Open.

Australian Open Novak Djokovic
SHARE