L'esperto doppista tuona sulla vicenda Novak Djokovic:"E' imbarazzante per il tennis"



by   |  LETTURE 6890

L'esperto doppista tuona sulla vicenda Novak Djokovic:"E' imbarazzante per il tennis"

Lo specialista indiano di doppio Purav Raja ha definito l'intera vicenda del visto di Djokovic "imbarazzante per il tennis" Djokovic è volato in Australia dopo aver ottenuto un'esenzione medica, ma è stato messo in detenzione dopo aver avuto il suo visto revocato dall'Australian Border Force.

Venerdì, il ministro dell'immigrazione Alex Hawke ha esercitato i suoi poteri per annullare il visto di Djokovic, che ha tentato di restare fino all'ultima sentenza. Niente da fare per il campione serbo che dovrà saltare il primo Slam dell'anno.

“Non so come la penso al riguardo. Non sono il governo australiano, quindi non so come la penso. Ma so per certo che è imbarazzante per il tennis” ha detto Raja a Sportskeeda.

Raja commenta la situazione del visto di Djokovic

“Non so quale fosse la situazione del visto.

Non so come gli sia stato permesso di entrare nel paese” ha aggiunto Raja. “Tutto quello che posso dire è che il visto è soggetto all'immigrazione. Ogni visto concesso a voi, per ogni governo, è soggetto all'immigrazione.

E l'immigrazione ovviamente ha un problema. Quindi, in teoria, il governo australiano e l'immigrazione hanno un problema con l'associazione di tennis. E questo ci lascia un po' in difficoltà”. Al doppista indiano è stato chiesto se si possa parlare di ricambio generazionale nella prossima edizione degli Australian Open, viste le assenze di Federer, Serena e Venus Williams e l’avvento di giovani come Sinner e Alcaraz.

“Non vedo uno slam in particolare come il cambiamento. Non vedo questo Australian Open come il cambiamento. Il cambiamento avverrà gradualmente, come è avvenuto per tutto il resto, come abbiamo visto tutti ritirarsi lentamente.

Quindi entro i prossimi tre o quattro-cinque anni, vedremo un cambiamento” ha detto Raja, aggiungendo poi che “Il tennis è sempre più grande. Wimbledon è sempre più grande del giocatore, gli Australian Open sono sempre più grandi del giocatore.

Noi siamo solo giocatori, andiamo e veniamo. Il tennis continua, e i tornei continuano a vivere - e noi giochiamo per quei tornei”.