Navratilova: "Novak Djokovic è troppo ossessionato da quel 21° Slam"



by   |  LETTURE 3827

Navratilova: "Novak Djokovic è troppo ossessionato da quel 21° Slam"

Il caso Novak Djokovic si protrarrà almeno fino a domenica. Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha revocato per la seconda volta il visto del serbo, il che ha spinto i suoi legali a presentare un nuovo ricorso.

La decisione definitiva sulle sorti del numero 1 ATP verrà presa dalla Corte Federale, a cui è stato demandato il caso su richiesta del giudice Anthony Kelly. Il 20 volte campione Slam attende di sapere se potrà partecipare o meno agli Australian Open, un torneo che lo ha visto imporsi in ben nove occasioni.

Il 34enne di Belgrado, che si è aggiudicato le ultime tre edizioni dell’Happy Slam, vuole a tutti i costi staccare Roger Federer e Rafael Nadal nella classifica all-time dei Major. Il 2021 gli ha consentito di azzerare il gap che lo separava dai due eterni rivali, dato che Nole si è aggiudicato ben tre Slam la scorsa stagione.

Se avesse trionfato anche agli US Open, sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a conquistare tutti e quattro i Major nello stesso anno. In una lunga intervista concessa a ‘Sunrise’, la leggenda della WTA Martina Navratilova ha espresso la sua opinione su Djokovic.

Il pensiero di Martina Navratilova

“La cosa migliore da fare per Novak Djokovic sarebbe stata tornare a casa. Doveva rendersi conto che ha commesso troppi errori, che tutti gli altri giocatori sono vaccinati e che era giusto fare un passo indietro.

Ovviamente non lo farà, perché è troppo ossessionato da quel 21° titolo dello Slam” – ha analizzato Martina. La Navratilova è scesa poi nel dettaglio: “Ci sono stati errori da parte di tutti in questa vicenda.

Il mio parere è che – a volte – le tue convinzioni personali devono essere accantonate in nome dell’interesse collettivo. Tante persone erano dubbiose su questi vaccini e temevano che avrebbero avuto ripercussioni negative sul loro corpo, ma lo hanno fatto.

Tutto il mondo si sta dirigendo in quella direzione. Le opzioni sono due per Nole: vaccinarsi o porre fine alla sua carriera”. Vedremo cosa accadrà nelle prossime ore.