Woodbridge su Novak Djokovic: "Questa situazione gli pesa"



by   |  LETTURE 7247

Woodbridge su Novak Djokovic: "Questa situazione gli pesa"

L’ex tennista australiano Todd Woodbridge ha passato un po' di tempo con Novak Djokovic giovedì e ha rivelato di aver notato che il dramma del visto sta visibilmente mettendo a dura prova il numero 1 del mondo.

Il visto di Djokovic è stato cancellato dall'Australian Border Force, ma il serbo ha riavuto il suo visto dopo aver vinto il suo appello in tribunale. Tuttavia il governo australiano ha nuovamente invalidato il visto del serbo e soltanto domenica la Corte Federale metterà fine a questa lunga storia con una sentenza definitiva.

“È ancora molto consapevole che potrebbe non arrivare ai blocchi di partenza. È molto, molto visibile che la situazione sta pesando su di lui” ha detto Woodbridge. “(Djokovic) Ha detto: 'Mi piace la sfida, e questa sarà solo un'altra sfida'

Dovete pensare che quando disputerà le sue prime partite, l'energia che ha speso anche prima del primo turno è enorme”.

D. Djokovic: “È la più grande vittoria della sua carriera”

La madre di Djokovic, Dijana Djokovic, si era detta molto preoccupata riguardo allo stato del figlio.

“Sono molto preoccupata, ma non so cosa pensare in questo modo. Spero solo che rimanga così: che sia libero e che giochi”. Dijana, durante un’intervista a Tennis Major, ha definito l’appello vinto dal figlio riguardo al visto come la sua vittoria più importante.

“Celebriamo la vittoria di nostro figlio, che non ha fatto nulla di male, non ha infranto alcuna legge ed è stato molestato. Ha combattuto contro il sistema perché sa di avere un visto valido”. La madre del numero uno del mondo ha poi aggiunto: “È stato così difficile in alcuni momenti.

A un certo punto non aveva il suo cellulare, non sapevamo se fosse malato o altro. Ogni madre del mondo può capire cosa intendo. Non poteva vedere le persone che ballavano e cantavano, ma poteva sentirle e questo lo ha aiutato. È la più grande vittoria della sua carriera, più grande di qualsiasi Grande Slam”.