Ben Rothenberg mette in dubbio la positività al Covid di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 6605

Ben Rothenberg mette in dubbio la positività al Covid di Novak Djokovic

Il verdetto del processo non ha risolto del tutto il caso legato a Novak Djokovic, che non è ancora sicuro al 100% di poter partecipare agli Australian Open per difendere il titolo conquistato consecutivamente nelle ultime tre edizioni dal 2019.

Il tennista serbo non ha cominciato ancora la stagione 2022 per via di diversi problemi in cui si è imbattuto all'arrivo sul territorio oceanico: il Governo federale gli ha cancellato il visto dopo averlo fermato in aeroporto per circa 8 ore, una dura decisione impugnata dal numero uno al mondo, che è riuscito ad avere la meglio e a 'scagionarsi', potendo ora circolare liberamente nel Paese.

Nel corso del processo sono emersi tanti dettagli interessanti sulla situazione del 34enne nativo di Belgrado nell'ultimo mese, fra cui la positività al Covid-19 confermata da lui stesso in data 16 dicembre e fino al 22: "Ho tutti i documenti che lo confermano" ha anche sottolineato per scogliere qualsiasi dubbio in merito.

Nole ha sottolineato, questa volta anche pubblicamente, come non abbia ricevuto nessuna somministrazione anti-Covid fino a questo momento.

L'attacco di Rothenberg

Il noto giornalista americano Ben Rothenberg ha diffuso alcuni dettagli assolutamente non indifferenti sul caso Djokovic, mettendo in qualche modo in dubbio la sua positività.

Analizzate delle anomalie sul test effettuato dall'atleta: "Il test Covid positivo presentato da Novak il 16 dicembre (codice di conferma 7371999-259039) è fornito con un QR Code. Quando si esegue la scansione di quel codice, lo può provare chiunque, ci si imbatte su un sito Web che mostra che il test era *negativo*, non positivo" ha attaccato attraverso il proprio profilo Twitter.

Poi l'aggiornamento qualche ora dopo: "L'ho solo provato di nuovo e adesso il sito rileva un risultato opposto: test positivo.

Chi sta scherzando?"

Rothenberg ha 'chiuso' la vicenda con un terzo Tweet: "La gente sta ottenendo ora un mix di risultati positivi/negativi da questo stesso QR Code.

Non so cosa pensare, a parte il fatto che sia bizzarro"

Prosegue dunque la polemica attorno a Novak Djokovic: ormai ogni aspetto emerso sul caso sta creando dibattito sui social.