Caso Djokovic, i genitori in conferenza stampa: "Gli hanno tolto tutti i diritti"



by   |  LETTURE 4146

Caso Djokovic, i genitori in conferenza stampa: "Gli hanno tolto tutti i diritti"

Novak Djokovic ha vinto la causa contro la cancellazione del visto di ingresso in Australia e ha già completato il primo allenamento dopo aver assistito al processo dei suoi avvocati. La decisione finale sulla sua partecipazione agli Australian Open e sul suo soggiorno in Australia non è però ancora stata presa, perché il Ministro degli Interni ha ancore il potere di verificare le prove e cancellare il visto.

“L'Australia, in quanto paese sovrano, mantiene la massima discrezionalità su chi lascia entrare nel suo paese” . Srdjan e Dijana Djokovic, padre e madre di Novak, insieme al fratello Djordje, hanno tenuta una importante conferenza a Belgrado; conferenza in cui hanno spiegato la situazione e parlato delle attuali condizioni del 20 volte campione Slam.

La conferenza stampa della famiglia Djokovic

"Novak è stato accolto all'aeroporto e non ha ricevuto alcun diritto. Gli hanno tolto tutti i diritti che ha come essere umano. Lo hanno convinto a firmare un documento di revoca del visto e lui si è rifiutato di firmarlo perché non c'era motivo.

Non aveva fatto nulla per contribuire a quella situazione. Non gli hanno concesso il diritto di comunicare con i suoi avvocati, con la sua squadra, con i suoi amici. È rimasto solo con lui per diverse ore. Gli hanno persino portato via il telefono" , ha spiegato il padre di Novak nelle parole raccolte da Sky Sport.

"L'ultima partita è stata giocata e ora hanno bisogno di inventare una partita diversa. Non ha permesso che questo lo lasciasse in ginocchio. Negli ultimi giorni sono successe varie cose ed è stato molto difficile.

Ma è mentalmente forte, un giovane fantastico. Non ha mai offeso nessuno, è sempre stato in buoni rapporti con tutti. Ma ovviamente il fatto che provenga da un paese piccolo e impoverito non era qualcosa che piaceva ai grandi potenti, e pensavano di avere poteri dati da Dio" .

La madre, invece, si è soffermata sul trattamento riservato al belgradese dal suo arrivo in Australia. "Abbiamo provato a lottare per lui. C'è stato uno spettro di emozioni: tristezza, paura, delusione.

Ci sono stati momenti in cui non aveva il suo cellulare e non sapevamo cosa stesse succedendo. Non avevamo idea se stava bene. Come madre, non riesco a riprendermi così facilmente e penso che ogni madre lo capirà" .

Djordje Djokovic ha infine spiegato: "Verità e giustizia sono emerse. Vogliamo ringraziare il sistema giudiziario australiano e il giudice Kelly. Lo ha fatto in modo molto neutrale, prestando attenzione ai dettagli.

Ha esaminato ogni aspetto di questa storia, ogni fatto. Novak è libero. Pochi istanti fa si è allenato, era su un campo da tennis. È venuto in Australia per giocare a tennis. Amiamo l'Australia, Novak ama l'Australia.

Non abbiamo altro che amore per quel paese. Sono sicuro che il sistema giudiziario australiano era sotto pressione enorme, il mondo intero stava guardando. Grazie alle persone in tutto il mondo, le persone che si sono sollevate in difesa di Novak. Inoltre, grazie al giudice Kelly, che è stato completo e neutrale" .