Incredibile in Australia: arrestato il numero uno al mondo Novak Djokovic



by   |  LETTURE 28860

Incredibile in Australia: arrestato il numero uno al mondo Novak Djokovic

La situazione legata al numero uno al mondo Novak Djokovic sta assumendo contorni incredibili. In mattinata il tennista numero uno ha vinto il ricorso in appello ed ha riconquistato i documenti che gli permettono di partecipare agli Australian Open.

Tutto dipende però dalla situazione legata al Governo australiano che sembra non intenzionato e pronto 'sul piede di guerra' ad intervenire sulla vicenda. Negli ultimi minuti però la situazione sarebbe precipitata ed addirittura ci sarebbero gli estremi di una crisi diplomatica.

Secondo quanto riporta una giornalista locale serba riportata tra l'altro dal noto connazionale Sasa Ozmo, da sempre molto vicino all'ambiente del numero uno al mondo, Novak Djokovic è stato arrestato. A comunicarlo ai media serbi sarebbe stato il padre di Nole, Srdjan Djokovic.

Laconico di quanto sia complicata la situazione è il tweet di Ozmo che riferisce:"A quanto pare Novak Djokovic è stato arrestato. La democrazia nel suo pieno splendore" Una situazione dai contorni allucinanti e che sembra di un'altra epoca con due nazioni in autentica lotta per una questione che inizialmente era solo sportiva.

Dall'Australia il quotidiano The Age smentisce categoricamente la versione serba.

Le ultime su Novak Djokovic

Il Ministro degli Interni Karen Andrews, fin dall'inizio, aveva rilasciato dichiarazioni che sembravano tutt'altro che pacifiche.

Parlando ai media aveva riferito: "Novak non è detenuto. Può lasciare il paese quando vuole e la polizia di frontiera farà di tutto per agevolare la sua partenza" Un chiaro invito ad andare via che faceva da monito per il numero uno al mondo.

La risposta del Primo Ministro serbo è stata chiara e questo ulteriore gesto non fa altro che far precipitare i rapporti tra le parti. Tra sette giorni intanto inizierà la competizione e mentre tutti gli altri atleti sono impegnati tra tornei ed allenamenti in vista del Primo Slam dell'anno, il venti volte vincitore di tornei del Grande Slam rischia di finire questa situazione nel peggiore dei modi.