Vasek Pospisil critica l'ATP in relazione al caso di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 11884

Vasek Pospisil critica l'ATP in relazione al caso di Novak Djokovic

Tutti hanno parlato della situazione di Novak Djokovic: i media di tutto il mondo, i politici di diversi Stati, i tennisti del circuito ATP. Tuttavia, il tennista Vasek Pospisil ha sottolineato come, nei giorni in cui si è sviluppato il caso che ha riguardato Novak Djokovic, l’ATP non è mai intervenuta.

Novak Djokovic è arrivato in Australia nella notte tra il 4 e il 5 gennaio per giocare l’Australian Open grazie ad un’esenzione medica. Lo Stato di Victoria ha bloccato, però, Djokovic e lo staff a causa di una richiesta di visto errata.

Per questo motivo, il giocatore è stato sottoposto prima ad interrogatorio, poi è stato collocato in una camera dell’hotel Carlton, l’hotel “per immigrati” australiano. L’ufficio legale del tennista serbo si sono subito attivati per fare ricorso alla decisione dello Stato australiano di non permettere a Djokovic di superare i confini.

In questo arco temporale, l’ATP non ha rilasciato alcuna dichiarazione. È proprio Vasek Pospisil a denunciare il silenzio dell’organizzazione sulla situazione di Djokovic, sottolineando che gli uomini dell’ATP "non si preoccupano dei giocatori"

Vasek Pospisil denuncia il silenzio dell’ATP sul caso Djokovic

L’ex tennista canadese ha fatto notare come in questi giorni di attesa, l’ATP non ha fatto alcuna dichiarazione: “Indipendentemente dal tuo punto di vista sulla situazione in Australia con Novak e gli altri giocatori, nota come l'ATP tace.

Nemmeno una semplice dichiarazione dopo quattro giorni. Hanno già dimostrato più volte di non preoccuparsi dei giocatori; ora stanno anche mostrando una completa mancanza di leadership di fronte a problemi reali", ha affermato Pospisil.

Nel 2020, Pospisil ha fondato con Djokovic un’organizzazione, il Professional Tennis Players Association (PTPA), che ha rilasciato una dichiarazione sulla situazione di uno dei suoi fondatori: "Il PTPA è stato in stretto contatto con il signor Djokovic, la sua famiglia e il consulente legale, i funzionari del governo e la leadership dell'Australian Open” Il comunicato prosegue parlando di ciò che Novak Djokovic ha chiesto alla stessa PTPA: Il signor Djokovic ci ha verificato il suo benessere.

Ha anche chiesto che gli permettessimo di condividere personalmente i fatti della sua detenzione con le sue stesse parole e a suo tempo”. “Con il massimo rispetto di tutte le opinioni personali sulle vaccinazioni, agli atleti vaccinati e agli atleti non vaccinati (con un'esenzione medica approvata) dovrebbe essere concessa la libertà di competere, prosegue la dichiarazione del PTPA.

“Continueremo a sostenere e difendere i nostri membri, e tutti i giocatori, in un modo che sia per loro accettabile. Alla Vigilia di Natale serbo-ortodossa, siamo grati che il signor Djokovic sia al sicuro e siamo in grado di comunicare con lui.

Continueremo a monitorare la sua salute, sicurezza e benessere. "Aspettiamo con impazienza il suo ritorno in campo"