Srdjan Djokovic è una furia: "Mio figlio Novak come Gesù, lo hanno crocifisso"



by   |  LETTURE 5619

Srdjan Djokovic è una furia: "Mio figlio Novak come Gesù, lo hanno crocifisso"

Una situazione che ha dell’inverosimile. Una vicenda che è realmente accaduta, proprio al numero uno al mondo di tennis, sicuramente fra i migliori giocatori di tutti i tempi con il suo record di 20 titoli del Grande Slam conquistati.

Novak Djokovic si trova bloccato in Australia in attesa di conoscere cosa gli riserverà il destino: infatti, solo lunedì mattina potrà sapere se giocherà gli Open di Melbourne o dovrà tornare nel suo Paese senza poter iniziare la stagione agonistica 2022.

Il nativo di Belgrado, in attesa che arrivi il processo, è stato spostato in un hotel non confortevole insieme a profughi e ai richiedenti di asilo politico. Una sistemazione scomoda e piena di disagi per lui, che non è piaciuta assolutamente a Srdjan Djokovic.

Il padre non accetta la situazione attuale

Il padre del numero uno al mondo è così tornato a parlare sulla vicenda che ha interessato e ‘messo nei guai’ suo figlio, numero uno del ranking Atp: “Novak è lo Spartacus del nuovo mondo che non tollera l’ingiustizia, il colonialismo e l’ipocrisia.

È diventato il simbolo e il leader del mondo libero, un mondo di Nazioni e persone povere e oppresse” ha dichiarato ad alcuni media russi. “Nole è tenuto prigioniero. Il nostro Novak, il nostro orgoglio.

Novak è la Serbia e la Serbia è Novak. Stanno calpestando la Serbia e, così facendo, calpestano il popolo serbo. Il leader di quella terra lontana, Scott Morrison, ha osato attaccare Djokovic ed espellerlo prima che raggiungesse il loro Paese.

Avrebbero voluto buttarlo in ginocchio, e non solo lui, ma la nostra bella Serbia. Noi serbi siamo un popolo europeo orgoglioso. Nella storia non abbiamo mai attaccato nessuno, ci siamo solo difesi. Questo è ciò che è Novak” ha rimarcato Srdjan.

Poi ha concluso, ribadendo quanto dichiarato nelle scorse ore ai giornalisti serbi: “Potranno incarcerarlo stasera, incatenarlo domani, ma la verità è come l’acqua, perché trova sempre la sua strada.

Novak ha dimostrato che puoi ottenere qualsiasi cosa se hai dei sogni, condivide questi sogni con miliardi di persone che lo ammirano”.