Mamma Djokovic: "Non riesce a dormire. Lo tengono come un prigioniero, non è giusto"



by   |  LETTURE 8784

Mamma Djokovic: "Non riesce a dormire. Lo tengono come un prigioniero, non è giusto"

Gli occhi di tutto il mondo hanno posato lo sguardo sul caso Novak Djokovic. Non sono ovviamente rimasti indifferenti alla faccenda papà Srdan e mamma Dijana. Il campionissimo serbo è rinchiuso nel Park Hotel di Melbourne – struttura che ospita decine di rifugiati irregolari – in attesa che il governo australiano prenda una decisione sul ricorso contro l’espulsione.

Per il verdetto bisognerà attendere la giornata di lunedì. “Ho parlato con lui un paio d’ore fa, è stato bravo, abbiamo parlato pochi minuti. Stava cercando di dormire, ma non ci riusciva. Come madre cosa posso dire? Lo tengono come un prigioniero, non è giusto, non è umano.

Spero rimanga forte: noi stiamo provando in tutti i modi a dargli un po’ di energia per andare avanti. Spero vivamente anche vinca la sua battaglia” ha spiegato Dijana alla tv serba. “Il suo alloggio è terribile.

Penso sia un piccolo hotel per immigrati, sempre se si tratta di un vero e proprio hotel. Insetti, cibo sporco, è tutto terribile”

Le parole degli 'ospiti'

Effettivamente il Park Hotel di Melbourne non gode di una grande fama.

Uno degli ospiti, Mehdi Ali, nel corso di un’intervista rilasciata a 9news (supportata da testimonianze fotografiche su Twitter) ha parlato delle condizioni di vita. Il 24enne è da mesi detenuto nella struttura dalla autorità australiane.

“È una prigione, è una prigione definitiva. Siamo chiusi nella nostra stanza in questo edificio e non c’è una scadenza, non c’è una sentenza da tempo. Qualche giorno fa c’è stato un incendio e invece di portarci fuori, ci hanno chiusi nell’atrio” aveva spiegato.

Datato 27 dicembre il terribile intervento del ragazzo su Twitter. “Questo è il cibo con i vermi. Ce lo hanno consegnato oggi alle 17:30 come cena nella prigione di Park per 34 persone. Anche le guardie hanno convenuto che non fosse commestibile e adesso lo hanno portato via.

Non ceneremo”

Photo Credit: Getty Images