Novak Djokovic, i problemi non sono terminati: "Se non offre prove, torna a casa"



by   |  LETTURE 3567

Novak Djokovic, i problemi non sono terminati: "Se non offre prove, torna a casa"

Il nuovo intervento del primo ministro Scott Morrison mette in minima parte a rischio la partecipazione di Novak Djokovic agli Australian Open se non dovesse chiarire a pieno la sua posizione all’arrivo in terra oceanica, visto che non ha effettuato (anche se non lo ha annunciato pubblicamente) le due somministrazioni anti-Covid e sul territorio è in vigore l'obbligo vaccinale.

I personaggi politici australiani continuano ad avere parole e pareri diversi, come giusto che sia, sulla vicenda dell’esenzione medica concessa al serbo per prendere parte al primo Grande Slam della stagione. In alcune occasioni però i comportamenti e le scelte prese sembrano andare in contrasto fra loro.

La polemica, specialmente sui social, prosegue e a ogni ora un piccolo dettaglio si aggiunge alla discussione e si va a unire agli altri pezzi del puzzle.

Parla Morrison

Le ultime dichiarazioni del primo ministro, quasi a ribadire le parole di Karen Andrews, lasciano più di qualche persona perplessa e non chiude affatto il caso: “Chiunque entri in Australia deve rispettare i requisiti di frontiera.

Nole dovrà fornire motivazioni accettabili e prove a sostegno se non è vaccinato. Se saranno insufficienti, non sarà trattato in modo diverso da nessun altro e tornerà a casa col primo aereo disponibile.

Ci sono stati altri casi, ce ne sono stati parecchi negli ultimi due anni in cui persone hanno avuto esenzioni e hanno fornito le prove adeguate per sostenere la loro richiesta. Quello che posso garantire è che non ci saranno regole speciali per lui" ha commentato nel pomeriggio australiano di mercoledì 5 gennaio.

In questo momento l’ultimo ostacolo del nativo di Belgrado sembrerebbe essere l’arrivo in Australia. Superato anche questa montagna, potrà essere sicuro al 100% di difendere il titolo degli Australian Open.

Tolto il post dell’annuncio della notizia, il 34enne non ha più parlato della vicenda. Nelle prossime ore o giorni si scoprirà se vorrà ripercorrere pubblicamente la vicenda e chiarire tutti i dubbi: tanta attesa in quest’ultimo caso sale per la conferenza stampa prima dell’inizio del torneo.