"Non tutti sono Novak Djokovic", gli AO rifiutano tennista non vaccinato



by   |  LETTURE 9955

"Non tutti sono Novak Djokovic", gli AO rifiutano tennista non vaccinato

Nelle ultime ore l'argomento più discusso nel mondo del tennis è senza dubbio la scelta di far partecipare il numero uno al mondo e campione in carica del torneo Novak Djokovic agli Australian Open. Il tennista da sempre restio nei confronti del vaccino è stato scelto da Tennis Australia grazie ad un esenzione vaccinale dovuta a presunti problemi del campione serbo.

Visto le parole di Nole in passato e le sue ripetute dichiarazioni contrarie al vaccino sono in tanti ad apparire perplessi riguardo questo annuncio e c'è chi vuole maggiori garanzie. Dove sono le pari opportunità? Cosa accadrà agli altri tennisti non vaccinati? In Australia hanno messo in atto un pesante precedente e nelle ultime ore è arrivato il primo pesante paragone.

Gli organizzatori di Tennis Australia hanno rifiutato un tennista non munito di vaccino.

Il particolare caso di Aman Dahiya

Il giovane talento Aman Dahiya è un tennista diciassette indiano che quest'anno doveva partecipare agli Australian Open 2021.

La legge in India non prevedeva il vaccino per gli Under 18 (solo ieri hanno aperto anche a questa fascia d'età) e solo per questo motivo Dahiya non si è potuto vaccinare. Gli organizzatori non hanno voluto saperne e l'agente del tennista ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Aman ha ottenuto il visto per l'Australia, ma gli organizzatori sono stati decisi e non ne hanno voluto sapere, i non vaccinati non potevano partecipare.

Gli abbiamo spiegato che in India non era legale vaccinare gli Under 18, ma è stato tutto inutile" Un caso sicuramente particolare quanto emblematico e per Dahiya un ulteriore beffa è stato l'annuncio di Novak Djokovic, a quanto pare l'unico tennista senza vaccino in Australia.

Quel che è certo è che questa vicenda lascia tanti punti oscuri e ci sono dubbi riguardo la vera situazione di Novak Djokovic. Al momento nessuno ha chiarito il motivo di questa esenzione vaccinale e senza tale giustificazione continueranno ad arrivare critiche con l'Australia e Tennis Australia che sicuramente non fanno una bella figura davanti al mondo dello sport e non solo, per una scelta che fa e farà ancora discutere.