Jamie Murray polemizza sull'esenzione medica ricevuta da Novak Djokovic



by   |  LETTURE 9964

Jamie Murray polemizza sull'esenzione medica ricevuta da Novak Djokovic

Arrivata la conferma della partecipazione di Novak Djokovic agli Australian Open, primo slam dell’anno, grazie ad un’esenzione medica, piovono polemiche sulla decisione del comitato organizzatore dello slam australiano di concedere al tennista serbo la possibilità di prendere parte al torneo.

Dopo le settimane di incertezza in cui il rebus sullo stato vaccinale del 20 volte campione slam ha tenuto banco nel dibattito pubblico, rimanendo l’argomento principe di addetti ai lavori e non, nella giornata di martedì è arrivata la conferma ufficiale della presenza di Djokovic in Australia.

Lo stesso serbo ha annunciato la sua partenza per l’Australia postando una foto in aeroporto e allegando un augurio di buon anno ai suoi fan, postando in conclusione la frase “Oggi mi dirigo Down Under (Australia) con un permesso di esenzione.

Let’s go 2022!” Tra i tanti che hanno commentato l’esenzione medica ricevuta da Djokovic, anche l’esperto doppista Jamie Murray, il quale ha espresso la sua sulla decisione del comitato organizzativo degli Australian Open.

“Se io non fossi stato vaccinato non avrei ottenuto l'esenzione”

Il sette volte campione di doppio Slam Jamie Murray, da parte sua, ritiene che non avrebbe ricevuto un trattamento preferenziale come Djokovic se avesse richiesto un'esenzione medica.

“Penso che se fossi stato io a non essere vaccinato non avrei ottenuto l'esenzione... ma complimenti a lui per aver ottenuto l'autorizzazione a venire in Australia e competere” ha dichiarato polemicamente Murray.

Lo scozzese ha espresso la speranza che Djokovic abbia una "ragione valida" per ricevere un'esenzione. “Alla fine della giornata bisogna avere fiducia che lui abbia un motivo valido per l'esenzione medica", ha aggiunto il doppista.

Il mandato sanitario COVID-19 del governo vittoriano dice che tutti gli atleti devono essere completamente vaccinati per entrare a Melbourne. Tuttavia, gli organizzatori hanno anche dichiarato che i giocatori con esenzioni mediche - come Djokovic - sarebbero autorizzati a giocare nello Slam di apertura dell'anno.

Per Novak Djokovic, nove volte campione dello slam australiano (ha trionfato nelle ultime 3 edizioni), un’eventuale vittoria agli Australian Open significherebbe diventare il secondo uomo dopo Rafael Nadal a vincere 10 Majors in un singolo Slam, oltre che il tennista con più slam della storia (21), staccando Nadal e Federer.