Atp Cup, la decisione ufficiale di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 6285

Atp Cup, la decisione ufficiale di Novak Djokovic

Alla fine ad avere la meglio sono stati la stampa serba e le fonti vicine al giocatore. Novak Djokovic ha deciso in maniera ufficiale di non partecipare all’Atp Cup, competizione a squadre in programma dall’1 al 9 gennaio a Sydney, e di non rinviare il suo ritorno in campo.

Dunque salta il primo impegno della stagione 2022 per il numero uno al mondo, che a pochi giorni dall’inizio della manifestazione era ancora in dubbio se avesse indossato la maglia della Serbia o meno. Tennis Australia ha annunciato il ritiro del 34enne nativo di Belgrado: sarà dunque Dusan Lajovic il migliore della sua nazione e colui che guiderà il gruppo, seguito da Filip Krajinovic, Nikola Cacic, Matej Sabanov.

Con l’assenza del vincitore degli Australian Open, del Roland Garros e di Wimbledon nel 2021, diminuiscono sensibilmente le chances di vittoria della Serbia al torneo in terra oceanica. In Coppa Davis il Paese è stato trainato da Nole ed era riuscito a conquistare le semifinali, arrendendosi poi alla Croazia.

Il debutto è fissato per sabato 1 gennaio con la Norvegia di Casper Ruud. Poi seguiranno le sfide con il Cile e la Spagna, che avrà Roberto Bautista Agut come numero uno.

Attese ulteriori novità su Nole

Prima dell’inizio del 2022 tutto il mondo del tennis è desideroso di sapere novità su Djokovic, che non è ancora sicuro di poter prendere parte alla tournée australiana e dunque al primo Grande Slam della stagione (gli Australian Open, evento in cui è detentore da ben tre anni del titolo).

Alla base del ritiro dall’Atp Cup, c’è l’impossibilità in questo momento e con le regole attualmente stabilite dallo Stato della Victoria di poter partire per l’Oceania, visto che è risaputo l’attaccamento del numero uno del mondo alla sua nazione, oltre all’aspetto che giocare una competizione prima degli Australian Open gli avrebbe fatto molto comodo.

Djokovic continua ad allenarsi nella sua Belgrado, fan e appassionati attendono novità sulla sua programmazione nel mese di gennaio: è spuntato nelle ultime ore un possibile provvedimento che potrebbe essere preso per permettere al serbo di arrivare e giocare in Australia (click per saperne di più).